Seguici sui Social

Cronaca Napoli

Controlli anti-covid, chiusa pasticceria in centro a Napoli

PUBBLICITA

Pubblicato

il

controlli anti-covid

Figurano anche una pasticceria e una rosticceria del centro, due negozi piuttosto noti a Napoli, tra gli esercizi commerciali controllati e sanzionati dai carabinieri per il mancato rispetto delle norme anticovid.

Complessivamente sono otto i negozi ispezionati dai militari tra ieri e stamattina. A Napoli, precisamente in via Toledo, i militari del Nas – insieme con i colleghi della stazione San Giuseppe – hanno ispezionato una pasticceria. Disposta l’immediata chiusura per 5 giorni e sanzionata la titolare: non c’erano igienizzanti all’entrata e non era stato regolarizzato l’ingresso dei fornitori e dei clienti per evitare assembramenti. Tolleranza zero anche per altri esercizi commerciali: sanzionata la titolare di una rosticceria in via Toledo per non aver esposto la prevista cartellonistica riportante le avvertenze per il contenimento del contagio.

LEGGI ANCHE  Castellammare, virale suo web la foto delle neonata che tenta di strappare la mascherina al medico

Controlli anche in provincia: a Torre Annunziata sanzionato il titolare di un bar che non indossava la mascherina. In un bistrot dello stesso comune il Nas ha sanzionato il titolare per in mancato utilizzo dei dispositivi di protezione. Controlli anche a Quarto dove e’ stato sanzionato il titolare di un ristorante dove non veniva rilevata la temperatura ai clienti.



Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Napoli

Napoli, Galleria Umberto I nuovamente sommersa dai rifiuti

Pubblicato

il

Napoli, Galleria Umberto I nuovamente sommersa dai rifiuti.

“Dopo un breve periodo di ‘tregua’, durante il quale c’è stata collaborazione per la raccolta dei rifiuti tra i gestori del Mc Donald’s e l’Asia, la Galleria Umberto I torna ad essere il regno dell’inciviltà, in balia degli zozzoni che abbandonano rifiuti di ogni genere in ogni dove. Cumuli di cartacce, bicchieri, residui di cibo che insozzano i marmi di una delle più belle opere d’arte della città. Sto ricevendo decine di segnalazioni di questo tipo da parte dei cittadini che gridano, giustamente, allo scandalo.

La Galleria Umberto I non può essere terra di nessuno, né tantomeno l’habitat naturali per questa gentaglia che deturpa le nostre bellezze architettoniche. Chiediamo con forza che vengano presi provvedimenti e che l’amministrazione concerti con McDonald’s nuove forme di collaborazione poichè le foto dei cittadini mostrano proprio che la maggior parte dei rifiuti, unti e bisunti, che vengono abbandonati sono proprio della catena di fast food.”. Queste le parole di Francesco Emilio Borrelli, Consigliere Regionale di Europa Verde e del conduttore radiofonico Gianni Simioli.

LEGGI ANCHE  Napoli: restituito a Jago il frammento dell' opera vandalizzata

“Alla luce di tanto menefreghismo chiediamo che venga immediatamente siglato un accordo di lunga durata tra Asia e McDonald’s per la pulizia dei rifiuti che riportano il suo marchio – proseguono Borrelli e Simioli – affinché queste scene non si ripetano. E’ necessario dare il buon esempio, oltre a combattere questi atteggiamenti irrispettosi e dannosi, per l’ambiente e per l’immagine della città, con delle giuste sanzioni sulle quali, forse, troppo spesso si chiude un occhio. Non ci sono scuse per chi riduce la città ad una pattumiera”.

Continua a leggere

Le Notizie più lette