Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy



Castellammare di Stabia

Cinque operai della Fincantieri di Castellammare positivi al covid-19

Pubblicato

il

fincantieri operai positivi


Tensione alta nello stabilimento Fincantieri di Castellammare di Stabia a causa di alcuni dipendenti positivi al covid-19.

 

Stando ad alcune informazioni che trapelano dall’interno, sarebbero  5 i positivi al coronavirus che sono in isolamento domiciliare. A destare preoccupazione sarebbe anche la decisione del gruppo navale di negare l’accesso ai dipendenti di una ditta esterna perché tutti dovrebbero essere in quarantena fiduciaria.
Sarebbero messi alla porta dalla direzione dello stabilimento di piazza Amendola tutti gli operai di una ditta appaltatrice operante a Castellammare. Tutti non Italiani e che, come hanno fatto sapere altri dipendenti di Fincantieri, non osserverebbero la quarantena e siano in giro per la città.
Intanto nello stabilimento stabiese la paura tra le tute blu sale. Tutti gli operasi positivi al coronavirus avrebbero svolto lo stesso turno circa una settimana fa. Gli operai, ma non i sindacati che fino a questo momento stanno valutando la situazione, chiedono di sapere se siano stati applicati tutti i protocolli di sicurezza in fabbrica e in maniera particolare con le ditte appaltatrici esterne.

Ciro Serrapica

Continua a leggere

PUBBLICITA

Castellammare di Stabia

Poste Italiane, dipendente viene nominato “Maestro del Lavoro” a Castellammare di Stabia

Pubblicato

il

poste italiane

Poste Italiane partecipa con i suoi dipendenti per l’undicesimo anno consecutivo al conferimento dell’onorificenza “Stelle al Merito del Lavoro”, assegnata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

La Commissione nazionale istituita dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha deciso di assegnare ai dipendenti del Gruppo Poste Italiane 92 Stelle al Merito, su tutto il territorio nazionale, in rappresentanza della maggior parte dei mestieri presenti in azienda.
In attesa del conferimento formale a cura della Prefettura di Napoli per meriti “di perizia, laboriosità e buona condotta morale”, Giovanni Piccirillo, Specialista del settore recapito, neo pensionato, ha ricevuto un attestato di stima e riconoscimento da parte dell’azienda.

Le Stelle al Merito sono concesse ogni anno alle lavoratrici e ai lavoratori dipendenti di Aziende pubbliche e private, con età minima di 50 anni e anzianità lavorativa continuativa di almeno 25. Il 50% è riservato a coloro che hanno iniziato la loro attività dai livelli contrattuali più bassi e si sono distinti per il loro contributo umano e professionale in azienda.

Continua a leggere

Castellammare di Stabia

Nave Stabia I affondata nel Porto di Salerno, Celano: ‘Recuperare il relitto’

Pubblicato

il

nave stabia I

In una lettera inviata al Sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, il Consigliere Comunale di Forza Italia, Roberto Celano, chiede di mobilitarsi per recuperare il relitto della nave Stabia I che il 9 gennaio del 1979 affondò dinanzi il Porto cittadino con a bordo un equipaggio composto da tredici marinai di cui ne morirono dodici.

Tra questi due giovani della Costiera Amalfitana: Enrico Guadagno di Amalfi e Maurizio D’Urso di Maiori.
«Quel giorno – si legge nella missiva -in condizioni di mare avverso in pieno inverno, la nave fu trascinata dalle onde sugli scogli del porto. Di lì a poco s’inabissò e lì è rimasto ormai da oltre quarant’anni. Da allora non è mai stata presa in considerazione l’idea di recuperare il relitto che divenne la bara dei dodici marinai, tutti compresi tra le province di Napoli e Salerno».

«Troppo alti i costi, nonostante fosse stato costituito un comitato dei parenti delle vittime. La presenza in questo periodo di una draga che sta eseguendo lavori al porto di Salerno potrebbe, però, essere l’occasione di provare a risollevare lo Stabia I e dare finalmente degna sepoltura ai dodici marinai che sono dentro» scrive Celano che chiede al primo cittadino «di rendersi parte attiva di tale istanza e di provare finalmente a dare degna sepoltura a dodici uomini figli della nostra regione».

Continua a leggere

Le Notizie più lette