Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca

Bimbo gioca con una bottiglia di liquido infiammabile: ustionato e ricoverato

Pubblicato

in

santobono


Bimbo gioca con una bottiglia di liquido infiammabile: ustionato e ricoverato.

 

Trasportato d’urgenza all’ospedale Santobono di Napoli un bambino di 11 anni di Terzigno. Il ragazzino era in casa e, secondo una prima ricostruzione dei fatti, mentre giocava con il fratello ha afferrato una bottiglia di liquido infiammabile però gli è esplosa tra le mani. La madre dopo aver chiamato più volte, senza risposta, il personale del 118 è scesa in strada a chiedere aiuto. Sul posto di passaggio una volante della polizia che ha prelevato il bambino e trasportato all’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia. I medici del nosocomio stabiese ne hanno disposto in ambulanza il trasferimento all’ospedale Santobono di Napoli. L’11enne, sotto shock, ha riportato ustioni su più parti del corpo.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Campania

Guerriglia Napoli; Falco (Corecom): “Solidarietà a giornalisti e forze dell’ordine”

Pubblicato

in

guerriglia napoli falco

“Voglio esprimere la mia solidarietà ai giornalisti minacciati e aggrediti nel corso della guerriglia urbana andata in scena a Napoli lo scorso venerdì notte. Inaccettabili i tanti atti intimidatori perpetrati ai danni di colleghi che stavano solo svolgendo il proprio lavoro, come sempre con professionalità al servizio dell’informazione libera, da parte di soggetti incappucciati o mascherati scesi in strada solo per fare danni e per creare il caos”. Lo ha dichiarato il presidente del Corecom Campania, Domenico Falco.

“Sono vicino anche alle forze dell’ordine, agenti e carabinieri rimasti feriti negli scontri. Una violenza che deve essere condannata senza riserve e sulla quale occorre fare subito chiarezza su chi sono stati i mandanti e i protagonisti di questa pagina vergognosa per la città.

Chiedo – ha aggiunto Falco – che su questo episodio sia convocato un tavolo urgente del Comitato per la sicurezza presso la Prefettura di Napoli, allargato ai rappresentanti dell’informazione”.

“Di certo in piazza a battagliare con le forze dell’ordine non c’erano i commercianti o le partite iva. Una manifestazione pacifica che voleva sottolineare le difficoltà di alcuni settori vitali per la nostra economia e per i livelli occupazionali di Napoli e della Campania è stata ancora una volta condizionata e stravolta dalla presenza di gruppi organizzati di violenti il cui unico interesse è quello di alimentare paura e anarchia. Un pericolo dal quale – conclude il presidente dell’Corecom Campania – bisogna difendersi per evitare che simili episodi si ripetano ancora”.

 

Continua a leggere

Le Notizie più lette