Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Area Vesuviana

Allerta Meteo in Campania: scuole chiuse in molti comuni Vesuviani

Pubblicato

in



: scuole chiuse in molti comuni Vesuviani. Decisioni analoghe a Ischia e Procida.

Cresce il numero di comuni dove le scuole domani resteranno chiuse per l’allerta meteo arancionetudenti a casa nei comuni di Ischia, Barano, Casamicciola (dove restera’ chiuso anche il cimitero) Serrara Fontana e Forio; sulla vicina Procida resteranno chiuse le scuole di ogni ordine e grado ed il cimitero. Scuole chiuse a Napoli, e in molti centri dell’area vesuviana. Niente lezioni domani nei comuni di San Giorgio a Cremano, Ercolano, Portici, Pollena Trocchia, Somma Vesuviana e Torre del Greco, a causa dell’allerta meteo che prevede diffuse precipitazioni a carattere di rovescio o temporale e venti con raffiche che potrebbero arrivare anche oltre i 70 km/h negli orari di ingresso e uscita dalle scuole.

Ad annunciarlo il sindaco di San Giorgio a Cremano, , che spiega: ”Questa situazione, unita alla emergenza da covid 19 che obbliga a ingressi scaglionati per evitare assembramenti fuori le scuole, impone una riflessione in piu’ rispetto alla linea tenuta fino ad oggi”. Per tale motivo per scongiurare oltre al pericolo maltempo, assembramenti fuori alle scuole con relativo pericolo epidemiologico, insieme ad alcuni colleghi delle citta’ costiero-vesuviane, il sindaco Zinno ha deciso di chiudere le scuole per la giornata di domani con apposita ordinanza

Continua a leggere
Pubblicità

Coronavirus

Somma Vesuviana, altri 109 positivi il sindaco chiede al Prefetto l’invio di forze dell’ordine

Pubblicato

in

Somma Vesuviana. Centonove nuovi casi di contagio al Covid nelle ultime 24 ore nel paese del Vesuviano, dove oggi è anche giunta la notizia del secondo decesso in cinque giorni di un’anziana cittadina, portando a 432 le persone attualmente positive al coronavirus.

 

Lo ha annunciato il sindaco Salvatore Di Sarno, che ha firmato un’ulteriore ordinanza con la quale si raccomanda a tutti i laboratori di analisi presenti sul territorio e che effettuano i tamponi antigenici, “e che non sono tenuti al caricamento nella piattaforma dedicata, di attivarsi per comunicare sollecitamente all’Autorità Sanitaria Locale gli esiti positivi, allo scopo di attivare tempestivamente i protocolli sanitari per contenere quanto più possibile la diffusione del contagio”. Il sindaco ha anche invitato i cittadini ad essere tempestivi nell’invio dell’esito positivo al proprio medico di base, “allo scopo di attivare sollecitamente i protocolli sanitari per contenere quanto più possibile la diffusione del contagio; di segnalare la positività sull’App Immuni; di restare presso la propria abitazione o dimora fino alla comunicazione dell’esito negativo del tampone”. Di Sarno, infine, ha sollecitato il prefetto di Napoli per l’invio di forze dell’ordine per presidiare il territorio

Continua a leggere

Area Vesuviana

Novanta nuovi casi di coronavirus a Somma Vesuviana: paese ad un passo dalla zona rossa

Pubblicato

in

Somma Vesuviana. Il paese vesuviano ad un passo dalla zona rossa: sono 90 i nuovi casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore a Somma Vesuviana, dato che porta a 310 il numero delle persone attualmente positive nel comune che conta circa 35mila abitanti.

 

“Abbiamo messo 600 persone in sorveglianza sanitaria”, fa sapere il sindaco Salvatore Di Sarno. “Ho scritto poco fa al prefetto di Napoli – aggiunge Di Sarno – chiedendo nuovamente con forza l’aumento di forze dell’ordine sul territorio in coordinamento con la Polizia municipale e ho scritto anche al presidente della Regione Campania e all’Unità di Crisi per chiedere l’istituzione a Somma Vesuviana di un presidio fisso dell’Unità speciale di continuità assistenziale al fine di monitorare anche le persone che sono in quarantena”. Il sindaco di Somma Vesuviana chiede alla popolazione “di limitare le uscite solo a ciò che è necessario. Alla luce di questi eventi – prosegue – continuo a dire che la decisione di chiudere le scuole, tutte le scuole, assunta da me di concerto con i dirigenti scolastici ed adottata 20 giorni fa è stata giusta, in quanto il problema non solo le scuole ma quello che si è fatto negli ambienti familiari. In questo modo abbiamo evitato che molti altri nostri studenti si ammalassero di Covid per contagi provenienti dall’ambiente extrascolastico”.

Continua a leggere

Le Notizie più lette