Rivelazioni dalla Colombia: Paciolla ucciso per una ‘fuga di notizie’

SULLO STESSO ARGOMENTO

La morte del dipendente dell’Onu in Colombia, Mario Paciolla il 15 luglio, attribuita all’inizio ad un suicidio, potrebbe essere invece in relazione con una fuga di notizie di un rapporto che avrebbe portato alle dimissioni lo scorso anno del ministro della Difesa Guillermo Botero.

 

Lo scrive oggi in prima pagina il quotidiano El Espectador. Botero fu costretto a dimettersi di fronte al rischio di una mozione di censura in preparazione contro di lui in Parlamento, dopo un bombardamento militare in cui morirono sette minori, fra i 12 ed i 17 anni, legati ad un gruppo dissidente delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc). Secondo la giornalista Claudia Julieta Duque, Paciolla fu uno degli incaricati di verificare le circostanze del bombardamento”, avvenuto nel 2019 in Caqueta.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:L’Onu apre un’inchiesta sulla polizia colombiana: prove alterate sulla morte del napoletano Paciolla

    Il suo lavoro sarebbe stato pero’ giunto ed usato dal senatore Roy Barreras in un dibattito che mise il gravi difficolta’ in Parlamento in ministro Botero. Le conclusioni della verifica, redatte da Paciolla e da altri dipendenti della Missione Onu sugli accordi di pace, sarebbero giunte attraverso il responsabile Onu regionale, Raul Rosende, nelle mani di Barreras, che ha decisamente smentito la versione. Il giornale sottolinea che per questo Paciolla “si sentiva in pericolo, tradito, usato, e arrabbiato con i suoi superiori, al punto da chiedere un trasferimento ad altra sede, mai ottenuto”.

    El Espectador rivela poi che nella sede della Missione Onu a Bogota’ “e’ stato trovato un mouse del computer di Paciolla che dipendenti delle Nazioni Unite, guidati dal capo della sicurezza della Missione nel Caguan ed ex militare a riposo dell’esercito colombiano, Christian Leonardo Thompson Garzon, hanno sottratto nel suo domicilio all’indomani della morte”.

    Il dispositivo, si dice, “appare nell’inventario inviato alla famiglia della vittima che pero’ finora non ha ricevuto assolutamente nulla”. Cio’ che non si sapeva fino a oggi, sostiene la giornalista, “e’ che una prova tecnica realizzata da funzionari della Procura ha indicato che il mouse era impregnato di sangue, ma nonostante questo fu pulito e prelevato dall’Onu”



    Torna alla Home

    telegram

    LIVE NEWS

    Raspadori: “Il mio gol più bello a Torino contro la Juventus, emozioni indimenticabili”

    Prosegue il progetto di Betsson Sport con le video interviste ai giocatori del Napoli, e oggi è il turno di Giacomo Raspadori, l'attaccante che ha conquistato il cuore degli appassionati di calcio grazie alle sue prestazioni in campo e alla sua partecipazione alla vittoria dell'Europeo nel 2021 con la...

    De Luca lancia l’allarme: “A rischio i fondi per il Policlinico di Caserta”

    "La Regione ha destinato 55 milioni di euro per il completamento del Policlinico Universitario di Caserta, ma quei soldi sono a rischio". A lanciare l'allarme è il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, durante un incontro a Caserta. De Luca ha spiegato che i fondi sono inclusi nel...

    CRONACA NAPOLI