L’Associazione Maestri dell’Espresso Napoletano realizza corsi di formazione per i ragazzi della Comunità Futuro

SULLO STESSO ARGOMENTO

Compie i suoi primi passi l’Associazione Maestri dell’Espresso Napoletano mostrando il cuore sul quale è fondata: la condivisione.

Ci racconta il presidente Francesco Costanzo: “il culto dell’Espresso Napoletano ha come caratteristica principale l’arte di condividere. Quindi caffè inteso come culto solidale e opportunità di lavoro”. Un messaggio portato proprio ai ragazzi della Comunità Futuro che hanno vissuto questo approccio con entusiasmo e voglia di imparare.

Lunedì 7 Settembre si è svolto così il primo corso di formazione per i ragazzi grazie anche alla disponibilità del socio Formatore Michele Pisapia, Socia Fondatrice Silvia Signorini e la partecipazione straordinaria di Mario Signorini che ha gentilmente portato i macchinari professionali per la riuscita del corso.
Questo è stato solo l’inizio di un percorso ricco di emozioni.

Costanzo Francesco: Trasmettere la passione è essenziale per mantenere l’attenzione dei ragazzi e spingerli a credere in un futuro fatto di chicchi di caffè. Il nostro è stato per molti un mestiere di opportunità e deve continuare ad esserlo per molti altri ragazzi così da mostrargli una strada che infondo fa innamorare chi la percorre. Questa giornata è stata un dare e avere, i ragazzi ci hanno accolti nella loro realtà con entusiasmo inondandoci il cuore di emozioni. Un grazie particolare va agli educatori il responsabile Raffaele Esposito e Tiziana Tartaglione educatrice professionale.







LEGGI ANCHE

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE