Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Campania

Incendio distrugge deposito giudiziario nel Casertano

Pubblicato

in



Fiamme un deposito giudiziario, bruciano 50 auto. L’incendio nella zona industriale, necessario l’intervento di ben tre autobotti.

 

In fiamme il deposito giudiziario sulla Strada Consortile dell’Asi a Teverola. Verso l’una e trenta nella notte tra giovedì e venerdì sono state avvolte dalle fiamme circa 50 vetture sottoposte a sequestro giudiziario presenti sia nel piazzale di 500 metri quadrati antistante la depositeria sia all’interno di un deposito di circa 1000 metri quadrati contenente oltre alle vetture anche materiale eterogeneo completamente distrutto nel rogo.

Le fiamme altissime e ben visibili insieme alla coltre di fumo nero hanno invaso l’intera zona rendendo l’aria irrespirabile ed immediato è scattato l’allarme al 115. Dieci le squadre dei vigili del fuoco impegnate a domare il vasto incendio: la squadra dei caschi rossi del distaccamento di Aversa, Marcianise, Teano e quelle provenienti dal comando del Capoluogo con l’ausilio di un carro autoprotettori e di un’auto scala provenienti da Caserta. Per il supporto idrico sono state necessarie tre autobotti.

Le operazioni dei vigili del fuoco durate tutta la notte ed ancora in corso hanno scongiurato che l’incendio avesse una portata maggiore coinvolgendo altre vetture presenti nelle aree già interessate dalle fiamme o in depositi adiacenti. I carabinieri della stazione di Teverola coordinati dalla compagnia di Aversa indagano per far luce sulla vicenda. Non è escluso che l’incendio abbia una natura dolosa.

Gustavo Gentile

Continua a leggere
Pubblicità

Campania

Conte e Azzolina agli studenti del Casertano: ‘Con studio realizzerete vostri sogni’

Pubblicato

in

“Se avete dei sogni per il vostro futuro, con lo studio e l’impegno potete realizzarli. Tutto può essere alla vostra portata. Buono studio”.

 

Queste le parole pronunciate dal premier Giuseppe Conte ai bambini e ai ragazzi dell’Istituto Comprensivo Francesco Gesuè di San Felice a Cancello, nel Casertano, nel corso della visita di questa mattina con il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina. La scuola, nei mesi scorsi, è stata fatta oggetto di ripetuti furti e atti vandalici e destinataria di alcuni fondi per poter acquistare anche dei tablet utili alla didattica a distanza.

“Ancor di piu’ in territori come questo la scuola e’ un punto di riferimento per la comunita’, perche’ puo’ garantire un futuro ai ragazzi. Chi apre la porta di una scuola, chiude una prigione” ha detto citando Victor Hugo la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina.

Quando uno Stato e’ presente e vicino al mondo della scuola lo e’ sempre, non solo nelle dichiarazioni ufficiali e in eventi di rilevanza straordinaria. La visita del presidente Conte e della ministra Azzolina all’istituto Giosue’ in provincia di Caserta, di recente vandalizzato, e’ solo il gesto piu’ visibile di un impegno continuo e costante del Governo per sostenere le scuole nelle criticita’ quotidiane. Per questo istituto, in particolare, sono stati stanziati in tempi record 30mila euro per installare grate alle finestre e videocamere di sorveglianza”. Lo dichiarano Margherita Del Sesto e Marianna Iorio, deputate campane del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura. “Gli atti vandalici subi’ti dall’istituto Francesco Giosue’ sono purtroppo molto simili a tanti altri episodi su cui il ministero dell’Istruzione e’ intervenuto prontamente, e continua a intervenire, per ripagare i danni o per riacquistare i materiali rubati. Negli ultimi mesi”, proseguono, “l’impegno finanziario e’ stato di circa 270mila euro, destinati in totale a 10 scuole”. “Soprattutto nei territori piu’ a rischio, dove sono molto diffuse situazioni di forte disagio socio-economico, e’ fondamentale che le istituzioni siano forti e presenti, e percepite tali. La scuola e’ un presidio sociale e di legalita’ insostituibile: investirvi e sostenerla e’ sempre un dovere”, concludono le deputate pentastellate.
Il premier Giuseppe Conte e la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina erano arrivati poco dopo le 10 all’istituto comprensivo “Francesco Gesuè” di San Felice a Cancello. Ad attenderli la dirigente scolastica Teresa Mauro, con il corpo docente e il sindaco di san Felice, Giovanni Ferrara, il prefetto e il questore di Caserta.
Una visita che era in programma già il 24 settembre scorso, primo giorno di scuola, ma spostata al 28 e infine ad oggi. L’iniziativa nasce in seguito all’ennesimo atto di vandalismo ai danni del plesso Don Milani, già chiuso dal novembre 2019 per criticità strutturali. Mura imbrattate e porte divelte. Uno spettacolo deprimente, di fronte al quale la dirigente scolastica non riuscì a trattenere le lacrime. Anche perché nei mesi scorsi episodi simili erano avvenuti anche negli altri plessi.

La Ministra dell’istruzione, Lucia Azzolina, era venuta a conoscenza del fatto da un funzionario del ministero che è di San Felice a Cancello. Così, aveva telefonato alla dirigente esprimendole “vicinanza” e garantendole “sostegno concreto e immediato per poter aprire i plessi in sicurezza”, stanziando 30mila euro, per mettere le grate alle finestre e installare le telecamere esterne per dissuadere ladri e vandali.L’istituto comprensivo comprende sei plessi – due scuole dell’infanzia, tre primarie e una secondaria di primo grado, ovvero l’ex media – per un totale di 805 alunni.

 

Continua a leggere



Ercolano

Ercolano, classe senza banchi: al Tilgher si fa lezione solo con le sedie

Pubblicato

in

Ercolano. Solo sedie e senza banchi singoli: è la ‘sorpresa’ per gli alunni della 3A professionale dell’Istituto superiore ‘Adriano Tilgher’, nel primo giorno di lezione.
Al rientro in classe dopo lo stop imposto dall’emergenza Covid, gli alunni della 3 A del professionale sono stati costretti a fare lezione seduti sulle sedie, distanziate le une dalle altre nel rispetto delle norme prescritte, ma senza i banchi monoposto perchè al momento mancano. Una situazione non agevole, paradossale per qualche genitore che esprime critiche ed è sul piede di guerra. A confermare la vicenda  il dirigente scolastico Giuseppe Montella che ha spiegato: ” Al momento stiamo allestendo le aule del laboratorio di informatica per sopperire a questo disagio. Un disagio che dovrà terminare presto perchè entro ottobre, come annunciato dal Ministero, arriveranno i banchi nuovi”.

Continua a leggere



Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette