Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Ultime Notizie Oggi

Vacanze a Olbia e dintorni? Immancabile la visita a La Maddalena

Pubblicato

in



Se stai pensando di organizzare una vacanza nel Nord della Sardegna è molto probabile che tu stia cercando un alloggio per Olbia. Il motivo è molto semplice: la città è di certo la più facilmente raggiungibile con il traghetto dalla penisola e ha molto da offrire. Prendendo un traghetto Livorno-Olbia con Grimaldi Lines, infatti, si arriva a destinazione in poco tempo e si possono scegliere diversi giorni ed orari. Varie sono anche le formule di viaggio: cabina, poltrona, ponte, cosicché ognuno in base alle esigenze e al tipo di viaggio che intende fare può scegliere. In tutti i casi con questa compagnia si ha la garanzia di poter usufruire durante tutta la tratta di innumerevoli servizi e comodità.

Olbia è perfetta per alloggiarvi durante le vacanze perché è ben collegata con tutte le spiagge più belle e ne ha proprio a due passi più d’una, quindi se un giorno, per esempio, non si ha voglia di muoversi, non occorre necessariamente farlo perché si ha a disposizione una spiaggia da sogno. La cittadina è molto animata, quindi, dopo una rinfrescata post spiaggia è possibile uscire a piedi lasciandosi rapire dalle sue viuzze e da qualche locale tipico. Gli scorci che si possono vedere sotto la luna qui, sono da mozzare il fiato. Nei pressi di Olbia si trova inoltre uno dei luoghi più spettacolari in assoluto di tutta la Sardegna: l’Arcipelago della Maddalena.

Arcipelago della Maddalena: dove e come

L’Arcipelago è una delle zone più affascinanti che si possano vedere in Sardegna, a partire dall’Isola della Maddalena che dà il nome all’arcipelago. Calette, spiagge, insenature fanno da contorno ad un paesaggio collinare. Inutile dire che le acque hanno colori straordinari e che sono trasparenti come una lastra di vetro. In acqua vi sono innumerevoli specie di pesci colorati che rendono il mondo sott’acqua prezioso tanto quello al di fuori.

L’arcipelago e l’isola omonima hanno una storia travagliata, poiché attirarono l’attenzione di diversi invasori che cercarono di conquistarla, tra cui Napoleone Bonaparte. Il personaggio legato tuttavia all’arcipelago è niente poco di meno che Garibaldi che scelse Caprera come luogo d’esilio fino alla fine dei suoi giorni.

Per arrivare alla Maddalena si parte dal porto turistico di Palau da cui si giunge al porto dell’Isola principale. Da lì poi bisogna prendere delle imbarcazioni private o delle escursioni.

Cosa vedere nell’arcipelago

Il punto forte di questi luoghi è di certo il mare. Con mare s’intendono spiagge strepitose, giochi di colori, natura marina straordinaria, un ambiente praticamente perfetto per godersi il mare, con una brezza che soffia costantemente. Sulle varie isole si può godere della natura selvaggia, visto che oggi l’unico centro abitato è proprio l’isola principale. Questo vale una visita di certo anche sotto il punto di vista storico culturale, oltre che per i suoi elementi naturali.

Fra le spiagge più belle vi sono di certo quella di Monte d’Arena, la spiaggia di Bassa Trinità, la spiaggia di Testa di Polipo e Cala Spalmatore. La sabbia in questi luoghi è bianchissima, l’ambiente è caraibico.

Continua a leggere
Pubblicità

Campania

A 2 anni positiva al coronavirus: isolati anche gli altri bambini del nido

Pubblicato

in

A 2 anni positiva al coronavirus: isolati anche gli altri bambini del nido

 

Il coronavirus colpisce ancora la provincia di Caserta. Una bambina di appena 2 anni, che frequenta un asilo nido privato a Casaluce, è risultata positiva al tampone. A renderlo noto, con sgomento e particolare preoccupazione, è stato il sindaco Antonio Tatone che ha assicurato: “Le autorità preposte si sono adoperate per mettere in sicurezza l’asilo nido e monitorato tutti gli alunni della sezione primavera di cui fa parte la bambina contagiata. I genitori, da me immediatamente contattati, hanno riferito che le condizioni generali della piccola sono discrete. L’anonimato, come richiesto dagli stessi, lo si mantiene come per legge”.

“Ringrazio la direzione della scuola, che immediatamente ha adottato in sicurezza il protocollo previsto – ha aggiunto il primo cittadino di Casaluce – Questi casi, sfatano la leggenda secondo la quale il Covid risparmiava i bambini. Questo ci fa capire, se ce ne fosse ancora bisogno, che è indispensabile osservare severamente tutte le prescrizioni contenute nelle varie ordinanze in vigore”.

Poi il sindaco Tatone fa il punto della situazione sul fronte dei contagi a Casaluce: “Nel nostro paese abbiamo 21 casi di persone contagiate ed un numero elevato di persone in attesa di risposta del tampone eseguito. Usare la mascherina e rispettando il distanziamento fisico significa avere rispetto per gli altri e per noi stessi. Solo rispettando le regole si può sconfiggere il virus”.

Continua a leggere



Calcio

L’Atalanta passeggia all’Olimpico e ne rifila 4 alla Lazio

Pubblicato

in

Quattro gol al Torino, quattro alla Lazio: l’Atalanta di Gian Piero Gasperini e’ una macchina quasi perfetta e lo dimostra anche contro la formazione di Simone Inzaghi nel recupero della prima giornata di campionato.

 

All’Olimpico finisce 4-1 per la formazione bergamasca che ipoteca il risultato gia’ nei primi 45 minuti grazie alle reti di Gosens, Hateboer e Gomez e lo fissa nella ripresa, ancora con Gomez dopo l’illusorio gol di Caicedo. I bergamaschi raggiungono a quota 6 punti Inter, Napoli, Milan e Verona e anche se si sono giocate solo due giornate e’ chiaro che la formazione allenata da Gasperini sapra’ ancora dire la sua, gioca con personalita’ e quel pizzico di cinismo da vera big. La Lazio, che ancora non pyuo’ contare sui nuovi acquisti, paga a caro prezzo anche qualche errore di troppo. Al confronto di questa sera Lazio e Atalanta si presentano reduci dalle vittorie contro Cagliari e Torino. Inzaghi si affida alla stessa formazione che ha vinto in Sardegna, l’unico cambio, a pochi minuti dal fischio d’inizio, riguarda Correa che durante il riscaldamento ha accusato un fastidio alla schiena: al suo posto dal 1′ c’e’ Caicedo.

L’Atalanta risponde col 3-4-2-1 con Zapata in avanti e Gomez e Malinovskyi a supporto. In mezzo al campo Freuler e Pasalic con Hateboer e Gosens esterni. In difesa torna Djimsiti, con lui Toloi e Palomino. Parte forte la Lazio che al 7′ ha un’occasione con Marusic il suo diagonale e’ respinto da Sportiello, arriva Immobile ma l’interventi di Palomino e’ provvidenziale. L’Atalanta al 10′ trova il gol del vantaggio con Gosens: Gomez mette in mezzo, c’e’ una sponda di Hateboer, Gosens a centro area raccoglie e segna. I biancocelesti protestano per una presunta spinta ma il gol viene convalidato. La partita e’ nervosa, la Lazio non riesce a essere realmente pericolosa e sbaglia tanto. Alla mezzora l’Atalanta raddoppia con Hateboer che di destro su invito di Gosens batte Strakosha. Il raddoppio bergamasco scuote i padroni di casa che un minuto dopo, al 33′, colpiscono la traversa con Immobile poi sul batti e ribatti in area a Caicedo non riesce il colpo vincente.

Al 41′ arriva il tris dell’Atalanta con Gomez che recupera un pallone rinviato da Patric, entra in area e segna. Al 43′ occasione per i biancocelesti con Marusuic ma il suo tiro e’ centrale. La Lazio ha un’ultima chance con Lazzari che invece di tirare la mette in mezzo ma la conclusione di Leiva non impensierisce Sportiello. La Lazio nella ripresa parte con un altro piglio e al 9′ va vicinissima al gol con Marusic, gol che arriva al 12′ con Caicedo servito in area da Milinkovic-Savic.

Un minuto dopo Immobile si divora il gol del possibile 2-3 ma l’Atalanta rimette le distanze al 16′ con un gran gol di sinistro all’incrocio dei pali del Papu Gomez (assist di Malinovskyi) per il 4-1 per gli ospiti e la doppietta personale dell’argentino. Nonostante il passivo la Lazio non molla. Simone Inzaghi manda in campo Escalante, Akpa-Akpro e Anderson che danno un po’ piu’ di vivacita’. Al 30′ Caicedo invoca un calcio di rigore dopo un contrasto in area con Romero ma viene ammonito. L’Atalanta inserisce anche Lammers e Muriel con quest’ultimo che sfiora il gol del 5-1 per gli orobici. La Lazio gioca in attacco fino al triplice fischio, ma questa e’ la serata dell’Atalanta.

Continua a leggere



Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette