Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Nera

Torre Annunziata, agguato fallito al ras Palumbo: dalle telecamere le immagini dei killer in azione

Pubblicità'

Pubblicato

il

Torre Annunziata agguato palumbo


Pubblicità'

Torre Annunziata. E’ caccia ai killer che nella prima serata di ieri hanno fallito un agguato contro il ras del clan Gionta, Salvatore Palumbo detto Tore o’ maccato e suo figlio in pieno corso Vittorio Emanuele.

 

I poliziotti del locale commissariato di polizia diretto da Claudio De Salvo stanno analizzando le immagini delle telecamere pubbliche e private presenti nella zona per risalire agli autori del fallito raid di morte. I killer erano in sella a una moto di grossa cilindrata e con il capo coperto da caschi integrali. Quello seduto sul sellino posteriore ha esploso 5 colpi all’indirizzo di Palumbo che si trovava sotto i portici vicino al negozio del figlio. C’è stato un fuggi fuggi generale. I proiettili si sono conficcati contro due auto in sosta ma hanno mancato il bersaglio. Subito dopo la fallita missione di morte i sicari si sono allontanati facendo perdere le tracce. Gli agenti del locale commissariato che si trova a pochi metri dall’agguato hanno interrogato per alcune ore la mancata vittima e  il figlio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Torre Annunziata, ferito a colpi di pistola il genero del boss Valentino Gionta

Torre Annunziata, danneggiarono l’ospedale Covid-19 per far curare il boss ferito: arrestati

La pista porta al nuovo clan che punta a chiudere i conti con i “vecchi” del clan Gionta usciti dal carcere negli ultimi mesi come è capitato lo scorso mese con il ferimento del ras Giuseppe Carpentieri e poi le stese e la bomba contro la concessionaria di auto.

 

 

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Napoli

Napoli, rapinava turisti accoltellandoli: arrestato giovane magrebino

Pubblicato

il

Napoli rapinava turisti
foto di repertorio

Napoli, rapinava turisti accoltellandoli: arrestato giovane magrebino.

Su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Napoli, personale della Squadra Mobile ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, che dispone la misura carceraria per Hamssas Abdelali nato in Marocco il 2.04.1998 gravemente indiziato del reato di rapina aggravata e lesioni.

Nelle giornate del 18 e 19 luglio scorso un soggetto armato di coltello ha perpetrato su Corso Umberto 2 rapine ai danni di turisti stranieri, impossessandosi dei loro telefoni cellulari e di denaro. In entrambi i casi il rapinatore per assicurarsi il possesso della refurtiva ha cagionato delle lesioni alle vittime, giudicate guaribili in 10 giorni, colpendole con dei fendenti al volto ed al torace.

Il personale della squadra mobile intervenuto immediatamente sul posto ha fornito le prime cure ai turisti ed ha acquisito tutte le informazioni utili per il rintraccio del reo. L’attività investigativa basata principalmente sull’analisi delle immagini dei sistemi di sorveglianza presenti su tutta l’area interessata dall’evento ed il riconoscimento delle parti offese hanno consentito di individuare il rapinatore nei confronti del quale è stata emessa la misura cautelare de quo

Le Notizie più lette