Napoli, passeggiano come amici, ma sono pusher e cliente: 30enne arrestato dai Carabinieri

SULLO STESSO ARGOMENTO

Pochi minuti dopo la mezzanotte, i carabinieri del nucleo operativo di Napoli Centro notano movimenti sospetti lungo via Mezzocannone.

Un cittadino extracomunitario, giovane, percorre la strada passeggiando per brevi tratti con altre persone. Un comportamento che si ripete, in modo ciclico e sospetto.

I militari decidono di vederci chiaro e lo seguono. In borghese, mimetizzati tra gli innumerevoli giovani che popolano la movida di quella zona,  non vengono notati.

Poi c’è lo scambio: Lamin Singateh –  30enne di origini gambiane – percorre via mezzocannone all’incrocio con Via Candelora. Ha il cellulare in mano,  lo guarda di continuo, forse aspetta qualcuno. Dal senso opposto, gli va incontro un giovane italiano. Il 30enne gli passa una dose, il “cliente” gli rifila una banconota.

    Per evitare di dare nell’occhio percorrono un tratto di strada insieme, come vecchi amici.

    Non fanno in tempo a separarsi che i militari gli sono addosso. Singateh nascondeva nelle tasche 6 grammi di marijuana: erano nelle mutande, suddivisi in dosi facilmente rivendibili. Nelle sue disponibilità anche 80 euro in contante ritenuto provento illecito.

    In manette per spaccio di stupefacente, Singateh è stato  ristretto in camera di sicurezza in attesa di giudizio. Il suo cliente è stato invece segnalato alla Prefettura come assuntore di stupefacente.






    LEGGI ANCHE

    Lunedì al MUSAP di Napoli un incontro speciale sul dialetto e il cinema

    Il rapporto tra cinema e dialetto sarà al centro del quarto appuntamento degli "Incontri sul dialetto" organizzati dalla Fondazione Campania dei Festival e curati...

    Partita di beneficenza a San Giorgio a Cremano per sostenere la scuola calcio “Forza Napoli Club Habana”

    Il 23 febbraio alle 11:00 presso il Campo Paudice, via Sandriana, si terrà la partita di beneficenza "CalciAMO con il cuore" per sostenere la...

    Carcere di Santa Maria Capua Vetere: la Cgil denuncia gravi criticità

    Una delegazione della Cgil ha visitato ieri il carcere di Santa Maria Capua Vetere, evidenziando una serie di criticità che necessitano di un'attenzione immediata. Mancanza...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE