HomeCronaca NeraIndagini sull'arsenale ritrovato dai carabinieri a casa del 63enne. Era stato consulente...

Indagini sull’arsenale ritrovato dai carabinieri a casa del 63enne. Era stato consulente del Tribunale

google news

Indagini sull’arsenale composto da un ingente quantitativo di armi rinvenuto oggi in Santa Maria Capua Vetere, dai Carabinieri della Compagnia di Capua.

 

Decine tra fucili e pistole, migliaia di proiettili, pugnali, sciabole sono stati rinvenuti in un’abitazione di un 63enne del luogo. L’uomo, è stato arrestato per detenzione di armi e munizioni comuni e da guerra e ricettazione.

Era un esperto di armi al punto da essere stato, in passato, un perito del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, già coinvolto in una precedente inchiesta sul traffico illegale di armi. E’ questo il profilo di Gabriele D’Addio, il 63enne arrestato dai carabinieri di Capua per detenzione abusiva di armi comuni e da guerra e ricettazione.

L’indagine dei carabinieri ha preso le mosse in seguito ad alcuni furti nelle case di reperti bellici, in particolare sciabole e baionette della prima e della seconda guerra mondiale. I militari hanno cercato tra le persone che potenzialmente potessero essere interessate a tali oggetti e nel mirino è finito proprio il 63enne. Ieri sera così è scattato il blitz.

I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Capua, nell’ambito di attività info-investigativa svolta a seguito di alcuni furti in abitazione commessi nel territorio di competenza, hanno eseguito una perquisizione domiciliare d’iniziativa nella città di Santa Maria Capua Vetere , all’esito della quale hanno rinvenuto e sequestrato, traendo in arresto il detentore:

– 4 fucili;

– 1 fucile mitragliatore;

– 3 pistole mitragliatrici;

– 11 pistole;

– 3 pistole lanciarazzi;

– 1 proiettile da mortaio;

– 20 Kg. di polvere pirica;

– 57 pugnali/baionette;

– 3 sciabole;

– 299 serbatoi;

– 1 silenziatore;

– migliaia di proiettili di vario calibro;

– parti e ricambi di armi;

– strumentazione idonea alla modifica di armi e alla ricarica di munizionamento.

L’intero arsenale è stato rinvenuto occultato in un deposito, in un soppalco ed in delle intercapedini ricavate tra le mura dell’abitazione dell’arrestato, accessibili da una botola.

Durante le fasi dell’operazione, l’arrestato ha provato a fuggire e ad ingoiare la chiave di accesso al predetto deposito.

L’arrestato è stato associato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Redazione Cronache
Redazione Cronachehttps://www.cronachedellacampania.it
Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Frattamaggiore, è in coma a Bari il giovane dato alle fiamme mentre era in videochiamata con la fidanzata

Frattamaggiore. Nicola Lupoli si trova ricoverato al Policlinico di Bari in coma farmacologico. Ieri è stato dato alle fiamme mentre era in videochiamata con la...

Il Vangelo della domenica di don Salvatore Abagnale e il messaggio di pace

Quattordicesima domenica del tempo ordinario e don salvatore Abagnale oggi 3 luglio 2022 ci racconta il Vangelo della domenica. Si parla di pace e di...

Napoli, giovane di Casoria accoltellato nella movida del Centro storico

La movida violenta di Napoli non si ferma e anche in questo week end fa registrare episodi di sangue. Questa mattina, infatti, intorno alle 4.30,...

Portici, a 16 anni sfreccia in auto con gli amici: inseguito e denunciato

Portici. Ha solo 16 anni e con gli amici sfugge ad un posto di controllo. Inseguito e denunciato dai Carabinieri. Via dell’alveo artificiale, San Giovanni...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita