Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Cronaca

Il carabiniere Montella: ‘Tengo tutti sotto di me…’, ma davanti al gip dice: ‘Sbagli di vanità’

Pubblicato

in

montella


Non c’era lui al vertice della piramide. Anzi non c’era proprio “una regia” dietro gli arresti. E non e’ lui l’uomo nero della storia, tanto che i cronisti dovrebbero essere “piu’ cauti e sobri” nello scrivere, evitando “i racconti alla Scarface”.

 

E pero’ qualcosa di vero ci deve essere nelle accuse: “si puo’ sbagliare, si possono fare errori per ingenuita’, vanita’, per tante cose”. In tre ore davanti al Gip, Giuseppe Montella si e’ difeso ma non ha potuto negare l’innegabile, documentato in decine di intercettazioni in cui lo spazio per le interpretazioni della sua stessa voce e’ praticamente nullo. E fa le prime ammissioni. L’appuntato dei carabinieri arrestato mercoledi’ con altri 6 colleghi e considerato dai pm di Piacenza il capo del sistema criminale messo in piedi nella caserma Levante, ha parlato per 3 ore nel carcere delle Novate.

Una “volonta’ di spiegare una situazione complessa. Ci saranno ulteriori riscontri ma e’ stato collaborativo al 100%” ha detto il suo avvocato, Emanuele Solari, nel 2017 candidato a sindaco della citta’ con Forza Nuova, definendo Montella “molto provato”. Ancora piu’ diretto l’altro legale, Giuseppe Dametti: “c’e’ stata una collaborazione completa, chiarificatrice, esplicita e senza esitazioni”.

Quanto sia andato a fondo Montella, uno che per i pm si sentiva “svincolato da qualsiasi regola morale e giuridica”, quanto abbia spiegato tutti quegli arresti da gennaio in poi tacendo che venivano promossi dai suoi “galoppini”, senza accertamenti sul territorio e “macchiati da violenze e percosse”, lo si capira’ nei prossimi giorni e nelle prossime settimane. Soprattutto per quanto riguarda la catena di comando visto che, dicono gli avvocati, anche questa questione – e dunque quali e quanti superiori nella scala gerarchica sapevano del modus operandi in voga nella caserma Levante – “e’ stata chiarita”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Abbiamo fatto un’associazione a delinquere: arrestati 6 carabinieri a Piacenza per spaccio, estorsione e tortura

“E’ lecito domandarsi come sia stato possibile che per anni nessuno si sia posto dei dubbi, ad esempio sul tenore di vita dell’appuntato Montella, palesemente superiore alle condizioni economiche di un appartenente alle forze dell’ordine del suo grado. Grave che per anni nessuno, per vicinanza o per grado gerarchico, abbia voluto controllare le fonti delle sue disponibilita’ economiche o le modalita’ con cui lo stesso conseguiva i cosidetti ‘risultati operativi’. Si badi, Montella e’ un delinquente, nel senso etimologico e giuridico del termine”.

Nelle carte dei pm che fotografano le attivita’ di spaccio, i pestaggi, gli arresti pilotati e le ‘scorribande’ dei carabinieri ‘infedeli’ della caserma Levante di Piacenza, l’appuntato Giuseppe Montella risalta indubbiamente come una figura apicale all’interno del gruppo. Lo scorso gennaio, davanti agli investigatori, il giovane pusher marocchino che passava le informazioni all’appuntato napoletano riassumeva cosi’ il suo rapporto con lui: “Principalmente parlavo con Montella, il quale mi diceva che comunque tutti gli altri carabinieri della stazione erano ‘sotto la sua cappella’, compreso il comandante Orlando… alcune volte ho parlato anche con Falanga”.

Il ragazzo e’ l’autore degli audiomessaggi inviati al maggiore Rocco Papaleo e fatti poi ascoltare da quest’ultimo alla polizia locale di Piacenza. In cambio delle ‘soffiate’ per eseguire gli arresti, lo spacciatore veniva poi pagato da Montella con parte della droga sequestrata (oppure in denaro).

“Non l’ho piu’ visto da quando mi aveva picchiato in caserma – racconta a verbale lo spacciatore – mentre mi ha mandato un messaggio su Facebook dove mi diceva di smetterla di dire cose sul suo conto perche’ mi conveniva”. Nelle dichiarazioni rese a verbale, “peculiare e’ la frase del maggiore – scrivono i pm – quale chiusa delle condotte poste in essere dai colleghi, ‘fanno quello che si pensava facessi io'”. Anche il comportamento di Papaleo, ora comandante a Cremona ma fino al 2013 alla guida del nucleo investigativo, presenta alcune ambiguita’.

Intercettato al telefono dopo aver fatto partire l’inchiesta, parla spesso di droga con una ballerina, che le racconta addirittura come una volta, durante una retata, e’ rimasta “seppellita due ore in una buca” perche’ aveva con se’ 30 grammi di stupefacente. Con il maggiore Stefano Bezzecchieri, oramai ex comandante della compagnia di Piacenza, sottoposto all’obbligo di dimora, Montella ha un rapporto privilegiato, che scavalca il suo diretto superiore, Marco Orlando, finito ai domiciliari.

“Io voglio parlare direttamente con voi, poi Orlando lo metto a posto io – dice Bezzecchieri – cosi’ come l’anno scorso io ho disposto, dicevo: ‘Alla Levante non gli dovete rompere i coglioni coi servizi, ordine pubblico, scorte’ perche’ dovevate fare un certo tipo di lavoro”. Montella, in effetti, si sente invincibile e dopo un sequestro di due buste di marijuana, fatto insieme ai colleghi arrestati Giacomo Falanga e Salvatore Cappellano, dice: “Una busta deve sparire… bel colpo!… le cose solo noi tre ce le dobbiamo fare!”.

E ha parlato anche Giacomo Falanga, anche se la sua ricostruzione sembra fare acqua da tutte le parti. La foto in cui sorride con una mazzetta di denaro in mano assieme a Montella e a due spacciatori? “Non ha nulla a che vedere con Gomorra – dice il suo avvocato Daniele Mancini – e’ del 2016, era su Facebook con tanto di commenti ed e’ il frutto della vincita al Gratta e vinci”.

E il nigeriano pestato?, quello che si vede nella foto che accompagna l’intercettazione in cui proprio Falanga racconta che i suoi due colleghi Montella e Cappellano devono fare “il poliziotto buono e il poliziotto cattivo”? “Non si puo’ condannare una persona per una battuta, le cose vanno contestualizzate”. E come? “Il nigeriano non e’ stato picchiato in sua presenza, e’ stata una spacconata di Montella, in realta’ e’ caduto durante l’inseguimento”. Sara’. Ma le parole dello stesso Montella sembrerebbero inequivocabili.

“Quando ho visto tutto quel sangue per terra ho detto boh, lo abbiamo ammazzato”. E poco dopo, al telefono con la compagna Maria Luisa Cattaneo, “l’abbiamo massacrato quello che e’ scappato”. Chi non ha aperto bocca, invece, e’ Salvatore Cappellano. Quello che secondo gli inquirenti e gli investigatori sarebbe l’autore materiale delle botte e delle torture e quello che la procura definisce “l’elemento piu’ violento della banda dei criminali” che per anni ha imperversato nella caserma Levante. Senza che nessuno se ne accorgesse. Forse.

“Cio’ che proprio non si riesce ad accettare – scrivono infatti i pm – ed ancora prima a comprendere, e’ come sia stato possibile che detto sistema delinquenziale si sia protratto per anni”. Dovranno spiegarlo il comandante della stazione, il maresciallo Marco Orlando, che sara’ interrogato lunedi’, il comandante della compagnia maggiore Stefano Bezzeccheri. E molto probabilmente anche qualcun altro. A partire dell’ex comandante provinciale Piras ora al ministero delle infrastrutture e il suo successore, il colonnello Savo avvicendato ieri che in una telefonata con Orlando sembra chiedere conto di quanto accadeva. “Quindi era costruita?” chiede al maresciallo riferendosi ad un’operazione avvenuta la sera prima. E lui che spiega: “no proprio costruita no, ci stavamo lavorando…”

Continua a leggere
Pubblicità

Campania

Controlli della Polfer nelle stazioni ferroviarie della Campania: denunce e arresti

Pubblicato

in

4.865 persone identificate, di cui 960 risultate con precedenti di polizia, 6 persone arrestate, di cui una destinataria di mandato di arresto europeo, 10 persone indagate, 320 pattuglie impegnate negli scali e a bordo treno, oltre 100 i convogli scortati sia sulle tratte regionali che su quelle a lunga percorrenza.

Questi i risultati dei servizi straordinari messi in campo dalla Polizia Ferroviaria di Napoli, nella settimana dal 21 al 27 u.s., nelle principali stazioni ferroviarie campane.

In relazione al prevedibile maggior aumento di pendolari, dovuto alla riapertura delle scuole ed all’introduzione delle più restrittive misure di contenimento del contagio da Covid-19, il Compartimento PolFer di Napoli ha pianificato, nella scorsa settimana, una serie di attività finalizzate alla prevenzione e repressione dei reati e delle attività illecite in ambito ferroviario, nel corso della quale si è svolta anche l’operazione denominata “Alto Impatto”, presso la stazione ferroviaria di Napoli Centrale, disposta dal Dipartimento di P.S., in contemporanea in tutte le principali stazioni ferroviarie italiane, allo scopo di contrastare ogni forma di attività illecita e prevenire possibili azioni terroristiche o eversive, soprattutto in questo particolare momento di congiuntura internazionale.

Nella stazione di Torre Annunziata una pattuglia della Polizia Ferroviaria è intervenuta per la segnalazione di una persona molesta, un giovane olandese di 33 anni, a bordo del treno metropolitano 21260. Gli agenti hanno proceduto ad un controllo di polizia dal quale è risultato un mandato di arresto europeo per tentato omicidio, emesso dall’Autorità Giudiziaria olandese. L’arrestato è stato poi associato alla casa Circondariale di Napoli Poggioreale e posto a disposizione delle Autorità.

Nella stazione di Napoli Centrale è stato arrestato per rapina e lesioni aggravate un cittadino di nazionalità marocchina, 36 anni, senza fissa dimora. Fermato dagli Agenti Polfer all’interno di una libreria, a seguito di un furto di un paio di cuffie, l’extracomunitario, per sfuggire all’arresto, si è scagliato con violenza contro gli addetti alla vigilanza e contro i poliziotti. Il ladro, gravato da precedenti specifici, violento e già noto alle forze dell’ordine, è stato quindi tratto in arresto e giudicato per direttissima innanzi al Giudice Monocratico del Tribunale di Napoli.

Gli agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria della Polizia Ferroviaria di Napoli hanno arrestato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti un pregiudicato del napoletano, a seguito di una mirata attività info-investigativa, finalizzata a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nelle immediate adiacenze della Stazione Centrale.

2 ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state eseguite dalla Polfer in due diverse operazioni. La prima in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Milano a carico di un pregiudicato, di 57 anni, napoletano, per l’espiazione di una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione per reati di ricettazione, contraffazione e frode nell’esercizio del commercio. La seconda in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal Tribunale di Napoli a carico di un ventenne extracomunitario, originario del Ghana e stabilmente residente nel beneventano, per un reato di rapina aggravata commesso a Papoli nel 2018.

Un giovane marocchino, di 27 anni, è stato tratto in arresto per furto aggravato e possesso illegale di armi dagli agenti del Settore Operativo di Napoli Centrale dopo aver consumato un furto di alcune bottiglie di liquore all’interno del supermercato ubicato all’interno della stazione ferroviaria e trovato in possesso di un coltello a punta e un paio di forbici all’atto della perquisizione.

Continua a leggere



Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette