Corso il mancino di Dio, invento’ la ‘foglia morta’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Corso il mancino di Dio, invento’ la ‘foglia morta’. Genio e indolenza, strego’ Pele’ e affascinava i sessantottini. Mario Corso e’ stato un grande della Grande Inter, il mancino piu’ estroso degli anni ’60, “il piede sinistro di Dio”, come lo defini’ il ct di Israele, Gyula Mandi, dopo la doppietta con cui nel 1961 la sua nazionale fu ribaltata in uno spareggio per le qualificazioni al Mondiale.

Non ne gioco’ mai uno (in azzurro 23 gare e 4 reti), ma in compenso Corso, morto a quasi 79 anni, ha scritto pagine indelebili della storia nerazzurra, 502 presenze con 94 gol, uno scudetto nel 1963, la coppa dei campioni l’anno successivo, poi il triplete del ’65, scudetto e Intercontinentale nel ’66, e infine un altro campionato vinto nel ’71. Indossava la maglia numero 11 ma non era un’ala sinistra, anzi tendeva a partire dall’altra fascia per rientrare e sfruttare il suo mancino. Per i maligni usava il piede destro solo per salire sul tram o scendere dal letto.

“Meglio un piede solo buono che due scarsi”, la risposta che opponeva sempre quel fuoriclasse che, con i calzettoni abbassati (un omaggio a Omar Sivori), era capace di prorompenti galoppate palla al piede da una parte all’altra del campo, trasformate in geniali passaggi o colpi mancini. A lui e’ attribuita l’invenzione dei tiri ‘a foglia morta’. Colpiva con sensibilita’ rara il pallone, che partiva piano e prevedeva traiettorie perfide e poco leggibili per i portieri. “Sapevo tirare solo a quel modo pero’ i portieri non riuscivano a prenderla – raccontava -. Non ho mai neppure pensato di calciare in un altro modo”. Sanguigno per carattere, era un concentrato di genio e indolenza, quando faceva troppo caldo a San Siro non era infrequente vederlo a battere soprattutto le zone in ombra del campo. Lo chiamavano anche Mariolino, Matto Birago (copyright di Gianni Brera, che declino’ al maschile una leggenda lombarda), ed era Mandrake nella Grande Inter del Mago Selenio Herrera, con cui non mancarono frizioni e scontri. L’inquietudine indolente di Corso affascinava il pubblico di sinistra all’alba del Sessantotto. Nato a Verona il 25 agosto 1941, giocava nella sua citta’, al San Michele Extra, quando l’Inter lo prelevo’ nel 1957 pagando 9 milioni di lire per lui, il portiere Da Pozzo e il centrocampista Guglielmoni. Il primo ingaggio di Corso era da 70mila lire al mese. E in un’amichevole contro il Brasile nel 1958 fece ammattire il suo marcatore, stregando niente meno che Pele’. “Vieni a giocare con me in Brasile”, pare gli disse O Rei. Mariolino resto’ a San Siro soffiando il posto a Skoglund e iniziando una carriera chiusa nel ’75 con il Genoa (due stagioni, 23 presenze e 3 reti di cui una all’Inter di testa), prima di un doppio grave infortunio. Da allenatore ha guidato la Primavera del Napoli, il Lecce, il Catanzaro, per poi essere richiamato in nerazzurro da Ernesto Pellegrini nel 1985 al posto di Ilario Castagner. Ha lavorato anche al Mantova, al Barletta, e’ stato responsabile del settore giovanile del Verona, prima di tornare all’Inter nel ’97, occupandosi del vivaio e non solo. Era in sostanza l’allenatore in seconda di Mircea Lucescu e quando il romeno si dimise nel 1999 tuono’ nello spogliatoio richiamando i giocatori alle proprie responsabilita’. Molti anni dopo, e’ tornato in campo a San Siro per una partita di beneficenza, con la maglia numero 22. La 11 era toccata al rocker Luciano Ligabue, e Corso gli disse solo tre parole: “Vedi di onorarla”.







LEGGI ANCHE

Napoli, incendio in un cantiere in piazza Duca degli Abbruzzi

Ieri sera, il nucleo radiomobile dei carabinieri di Napoli è intervenuto in piazza Duca degli Abruzzi, dove si è sviluppato un incendio all'interno di un cantiere di fronte all'ex mercato ittico.   Le fiamme hanno coinvolto alcune tubature in plastica, ma fortunatamente non ci sono stati feriti, grazie all'intervento tempestivo dei vigili del fuoco. Al momento sono in corso indagini per determinare l'origine e la dinamica dell'incendio, considerando tutte le ipotesi possibili. L'allarme è stato lanciato dai...

Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete: oggi potresti sentirti particolarmente energico e determinato a raggiungere i tuoi obiettivi. È il momento ideale per mettere in pratica le tue idee e per concentrarti sulle tue passioni. Toro: potresti sentirti un po' confuso riguardo alle tue priorità e ai tuoi obiettivi. È importante prenderti del tempo per riflettere e per capire cosa è veramente importante per te. Gemelli: oggi potresti essere...

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE