La procura di Santa Maria Capua Vetere ha aperto una indagine per il reato di inquinamento ambientale dopo l’avvistamento di una macchia nera tra Castel Volturno e Mondragone, proveniente dal canale del fiume Agnena, lungo il litorale domitio in provincia di Caserta. La chiazza, la cui foto ha fatto il giro del web, ha invaso lo specchio d’acqua che in questo periodo di chiusura era ritornato pulito. I magistrati stanno aspettando i risultati dei prelievi effettuati dall’Arpac e hanno chiesto alla Capitaneria di Porto di cercare di risalire allo sversamento. I droni fatti volare questa mattina non hanno individuato la zona dello sversamento, ma il canale percorre decine di chilometri nell’entroterra. Per il sindaco di Castel Volureno, Luigi Petrella, si tratta “di uno sversamento illecito che colpisce la comunita’. Pensiamo a qualche industria manifatturiera o industriale. Chi lo ha fatto e’ un criminale”.

Macchia nera in mare nel Casertano: aperta un’indagine
di Nicola Rugantino per Cronache della Campania

ADS



Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

Pompei, domani per la prima volta Supplica senza fedeli sul sagrato: si potrà seguire solo in tv

Notizia precedente

Auto travolge bimbo in bici nell’Avellinese: è in ospedale

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..