Emergenza contagio in carcere, Zanotelli: “Una bomba atomica”. I cappellani preparano l’Sos

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Le carceri sono “una bomba atomica” per il rischio contagio nell’emergenza coronavirus. I cappellani campani preparano un documento per lanciare l’Sos, preoccupati per il sovraffollamento nei penitenziari italiani e in particolare a Napoli. Padre Alex Zanotelli definisce le carceri ‘una bomba atomica’, sottolineando la drammatica situazione di Poggioreale. Anche il Papa stamane ha dato nuovamente voce alla sua preoccupazione rivolgendo un appello alle istituzioni. “In Italia – sottolinea padre Zanotelli – dobbiamo diminuire il numero dei detenuti di almeno 20 mila per non avere il sovraffollamento disumano. Ecco perché, pensando alla emblematica situazione di assoluto degrado di Poggioreale, si sta preparando un documento con i cappellani per richiamare l’attenzione sulla drammatica situazione carceraria e fronteggiarla senza attendere oltre”.






LEGGI ANCHE

Quali sono le squadre di Serie A più in forma nell’ultimo mese?

A dominare la classifica generale delle statistiche dell’ultimo mese sono Atalanta e Inter, mentre al terzo posto c’è il Bologna. La Roma entra nella...

Nola, fatture false: sequestrati circa 8 milion i di euro a società di commercio alcolici

Stamane i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice...

Roccamonfina, denunciato titolare di ditta edile per reitarati smaltimenti illeciti di rifiuti speciali

I Militari appartenenti al Nucleo Carabinieri Forestale di Roccamonfina(CE), a seguito di appositi servizi di osservazione e controllo svolti anche con l’ausilio di strumentazione...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE