Cardarelli: Dipartimento Trapianti a prova di virus. Attività a pieno ritmo nonostante la pandemia

SULLO STESSO ARGOMENTO

Stanno bene e sono in reparto i due pazienti che tra giovedì e venerdì sono stati sottoposti a trapianto di fegato grazie ad un doppio intervento che ancora una volta sottolinea l’eccellenza messa in campo dal Cardarelli, anche nel pieno dell’emergenza Covid. A rendere possibile un’attività tanto intensa di trapianti anche nel pieno dell’emergenza coronavirus è l’organizzazione voluta dalla direzione strategica aziendale, che ha di fatto creato un percorso blindato non solo per i pazienti ma anche per tutto il personale del Dipartimento dedicato all’attività trapiantologica.
«I primi controlli – spiega il direttore sanitario Giuseppe Russo – sono quelli che vengono fatti sui donatori. L’organo, come previsto dalle linee guida, deve essere prelevato da un donatore negativo al Covid-19. Il Cardarelli attiva poi un’attività di monitoraggio sul ricevente, che viene sottoposto a più livelli di verifica attraverso test rapidi, tamponi e persino tac al torace. Se così non fosse – continua Russo – il trapianto avrebbe certamente una prognosi infausta, sino all’estrema conseguenza della morte del paziente».

Tuttavia, accertarsi che donatore e ricevente siano negativi al contagio non basta, è fondamentale garantire la sicurezza di tutto l’ambiente circostante, a partire dalle equipe di medici. Per questo da quando è scoppiata la pandemia il Dipartimento Trapianti del Cardarelli è stato blindato sotto il profilo microbiologico. Tutti gli operatori sanitari sono sottoposti con regolarità a test rapidi e, se necessario, a tamponi orofaringei. Un cordone di sicurezza esteso persino alle donne e agli uomini che si occupano delle pulizie, per evitare che un dipendente asintomatico possa inconsapevolmente introdurre il virus.
È grazie a questi protocolli che l’attività di trapianto del Cardarelli prosegue spedita e che si è arrivati oggi a questo straordinario doppio intervento. Due storie diverse, due destini uniti nel trovare nell’Azienda Ospedaliera di Napoli la speranza di una nuova vita. I due pazienti, un uomo di 67 anni e una donna di soli 36, sono stati operati dalle equipe chirurgiche di chirurghi Giovanni Vennarecci, Giuseppe Arenga, Luca Campanella, Gennaro Orlando e lo specializzando Luca Vaccaro. Due le éuqipe anestesiologiche con i medici Carmen Chierego, Gaetano Azan, Giovanna Tozzi, Marianna Esposito e Angela Grasso, oltre allo stesso Ciro Esposito. Essenziale anche il supporto dell’epatologo Alfonso Galeota Lanza e degli infermieri Roberto Rondinella, Nino Porri, Carmine Gargiulo e Anna Ruggiero. Essenziale anche in questo casi il coordinamento e l’impegno profuso dal Centro Trapianti di Fegato della Regione Campania diretto dal dottor Giovanni Vennarecci che è parte del Dipartimento Trapianti del Cardarelli (diretto dal dottor Ciro Esposito).
«Diamo ancora una volta esempio di un grande lavoro di squadra – dice il direttore generale Giuseppe Longo -. I protocolli di sicurezza implementati dalla nostra direzione sanitaria stanno dando ottimi risultati a favore delle uniche due cose che ci interessano: la salute dei nostri pazienti e la sicurezza dei nostri operatori»


Torna alla Home


"Mi definisco determinato". Così Victor Osimhen, attaccante del Napoli, che a Betsson Sport ha riflettuto sul suo percorso calcistico. "Sono quel tipo di persona che non si arrende mai, in qualsiasi circostanza mi trovo. Cerco sempre di impegnarmi al massimo per raggiungere quello che mi sono prefissato". La stagione appena...
Il numero di aprile della rivista inglese 'The World of Interiors' ha scelto l'Archivio di Stato di Napoli come sfondo per un servizio fotografico che unisce l'antico e il moderno nel mondo dell'arredamento di design. L'ambiente suggestivo del Monastero dei Santi Severino e Sossio, dove è ubicato l'Archivio, fa da...
Ospiti, eventi e mostre dell’International Pop Culture Festival Dopo aver segnato un nuovo primato di presenze nel 2023 con oltre 170.000 visitatori, COMICON - International Pop Culture Festival torna alla Mostra d’Oltremare di Napoli dal 25 al 28 aprile 2024 con la XXIV edizione che promette di raggiungere nuovi record...
Il campionato si avvicina alla sua fase finale e la Lega Serie A ha annunciato il programma ufficiale per la 35ª giornata, in programma dal 3 al 6 maggio. Le partite in programma promettono spettacolo e emozioni, con alcune sfide che potrebbero essere decisive per le ambizioni delle squadre...

IN PRIMO PIANO