28.8 C
Napoli
martedì, Luglio 7, 2020

Caserta, 3 mila euro per ingiusta detenzione. L’ex sindaco Del Gaudio: ‘Un risarcimento ridicolo’

DALLA HOME

“Ho ricevuto un risarcimento ridicolo nel quadro di un iter burocratico paradossale”. Questo il commento  dell’ex sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio dopo la comunicazione ricevuta dal Ministero dell’Economia e relativo alla liquidazione del risarcimento di poco meno di tremila euro (2.948 euro) riconosciuto per l’ingiusta detenzione in carcere sofferta per undici giorni dal 14 al 25 luglio 2015. Del Gaudio, che allora aveva lasciato l’incarico di sindaco da un mese, fu arrestato dai carabinieri, con tanto di elicottero che sorvolava la sua abitazione di Caserta, nell’ambito di un’indagine della Direzione Distrettuale antimafia di Napoli, da cui e’ uscito totalmente “pulito” già in primo grado, in sede di rito abbreviato, quando fu la stessa Procura Antimafia a chiedere l’archiviazione poi concessa dal Gip di Napoli e divenuta definitiva. Del Gaudio, che ha scritto anche un libro sulla sua vicenda dal titolo emblematico “Guai a chi ci capita”, sapeva già da mesi dell’esiguo risarcimento, che era stato disposto nell’udienza tenutasi presso la Corte d’Appello di Napoli del giugno 2019, a cui non mi sono “mai opposto per stanchezza” spiega, e per “non essere costretto a sopportare un’altra spesa che mi non sarebbe stata riconosciuta”. “Un risarcimento – prosegue – cui i giudici sono arrivati sulla base di un mero calcolo matematico, ovvero moltiplicando la somma di 200 euro per i giorni che ho patito in carcere, senza tener conto delle sofferenze psico-fisiche, delle tante medicine prese, dei danni morali e alla mia attività professionale di commercialista”.

E aggiunge ancora Del Gaudio: “Ma tant’è, ormai mi ero rassegnato, solo che due giorni fa mi è arrivata una carta del Ministero delle Finanze in cui si dice che il mandato di pagamento è stato trasmesso all’Ufficio Centrale di Bilancio per i Servizi del Tesoro per ‘i controlli di legge’. Ciò mi ha fatto infuriare – racconta – Ma quali controlli? Ancora? Dopo sei anni che questa vicenda giudiziaria e’ iniziata?”. Del Gaudio, nei mesi scorsi, aveva anche fornito il suo Iban per ricevere i 2498 euro. “Pensavo di essermi buttato questa storiaccia alle spalle, eppure così non è. Ricordo ancora che appena nel novembre scorso, a più di cinque dall’arresto e dopo essere stato assolto definitivamente, fui candidamente chiamato dagli investigatori perché dovevano togliere le cimici dimenticate nella mia auto. Ritengo tutto ciò schifosamente meschino ed irrispettoso della dignità di un cittadino, che ha sempre sperato di avere le istituzioni dalla propria parte e non sempre contro, e soprattutto non curanti del disagio che una disastrosa vicenda carceraria comporta”, conclude Del Gaudio.

Pubblicità
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

droga donna corriere

Napoli, in giro con 10 chili di droga: arrestata donna ‘corriere’

Napoli. In giro con 10 chilogrammi di hashish in auto: arrestata donna di 35 anni con precedenti penali.   Ieri pomeriggio gli agenti dei Commissariati San...
coronavirus mutato

Coronavirus: in macelli mantovani 70 casi ma “sotto controllo”

Coronavirus: in macelli mantovani 70 casi ma "sotto controllo" Sono settanta i lavoratori positivi e duecento quelli messi in quarantena nei 5 macelli e salumifici...
voli-bangladesh

Coronavirus, troppi contagiati: sospesi i voli dal Bangladesh

Coronavirus, troppi contagiati: sospesi i voli dal Bangladesh. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha ordinato la sospensione dei voli in arrivo dal Bangladesh a...