Seguici sui Social

Cronaca

Napoli, stanca delle continue minacce e richieste di soldi: denuncia il figlio e lo fa arrestare

PUBBLICITA

Pubblicato

il


I Carabinieri della Tenenza di Cercola hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare personale in carcere emessa dall’Ufficio G.I.P. presso il Tribunale di Nola a carico di Ciro Sannino, nato Napoli 06.11.1980 residente in Pollena Trocchia, ritenuto responsabile dei reati di rapina, estorsione e lesioni personali dolose a carico della madre Sannino Giuseppina di anni 60.

Il provvedimento cautelare scaturisce a seguito di indagini di p.g. condotte dall’Arma di Cercola nel contesto di una denuncia per rapina ed estorsione sporta nel mese di gennaio 2020 dalla signora Sannino, integrata nei giorni successivi per essere state reiterate le condotte delittuose da parte dell’autore identificato nel figlio Ciro. Gli atteggiamenti vessatori posti in essere nel tempo, le incessanti violenze e le continue richieste di denaro da parte dell’arrestato, denaro che poi spendeva per l’acquisto di stupefacenti e/o al giuoco, hanno indotto la persona offesa a sporgere denuncia proprio in virtù della possibilità oggettiva che le violenze potessero sfociare in episodi più gravi. La procura di Nola concordava le risultanze investigative e gli elementi probatori raccolti a carico del Sannino Ciro avanzando ed ottenendo nei suoi confronti una richiesta cautelare in carcere oggi eseguita.

LEGGI ANCHE  Campania: la Regione approva il bilancio triennale da 30 miliardi di euro

Il Sannino Ciro nell’anno 2017 ha già riportato una condanna per analoghi reati nei confronti della madre e nonostante censito in tal senso, dopo un breve periodo di calma apparente, ha ripreso ad avanzare richieste di denaro non esitando aggredire anche fisicamente la madre, procurandole delle lesioni, pur di raggiungere l’obiettivo prefissato. Dopo le formalità di rito il Sannino Ciro è stato rinchiuso nel carcere di Napoli Poggioreale.



Continua a leggere
Pubblicità

Afragola

Discarica abusiva e cimitero di auto bruciate ad Afragola

Pubblicato

il

Discarica abusiva e cimitero di auto bruciate ad Afragola, Borrelli (Europa Verde): “L’ennesimo ignobile sfregio alla nostra terra, complimenti alle guardie ambientali LIPU e WWF”

“Siamo dinanzi all’ennesimo vergognoso sfregio della nostra terra. La discarica abusiva scoperta dalle Guardie ambientali della LIPU e del WWF, nei pressi della stazione dell’alta velocità di Afragola, è un vero e proprio atto criminale nei confronti della Campania e di tutti i suoi cittadini. Auto bruciate, pneumatici usati, materiale di risulta edile, le Guardia Giurate si sono trovate dinanzi a uno spettacolo raccapricciante che poteva trasformarsi in una vera e propria bomba biologica. Pensate se qualcuno fosse venuto di li a poco a dar fuoco a tutto. I responsabili di questo scempio sono criminali senza scrupoli che vanno perseguiti, a norma di legge, con tutti i mezzi possibili, dando fonde a tutte le risorse a disposizione, perché la lotta ambientale è una lotta per la civiltà e la libertà”. Così Francesco Emilio Borrelli, Consigliere della Regione Campania per Europa Verde. “ La lotta ai crimi ambientali – continua Borrelli – deve essere sempre una priorità per tutte le istituzioni”.

Continua a leggere

Le Notizie più lette