Tre pescatori pugliesi sono stati fermati “in trasferta” e denunciati dai carabinieri perche’ trovati in possesso di tremila ricci di mare, pari a circa 1,3 quintali, raccolti nella costa del Tirreno. I pescatori sono stati bloccati dai militari a bordo di una Ford Galaxy mentre percorrevano la SS 372, nel comune di Amorosi, in direzione di marcia verso la Puglia. A bordo dell’auto i carabinieri hanno rinvenuto quattro grossi contenitori in plastica contenenti ricci di mare, trasportati senza alcuna autorizzazione. Nell’auto sono state trovate anche mute e attrezzatura idonea per l’immersione e la pesca in mare dei ricci. Tutto il pescato, per un valore commerciale di circa tremila euro, e’ stato sequestrato e sottratto presumibilmente al mercato nero dell’area adriatica barese.



Pubblicità'

Calciomercato, gennaio vicino e big al lavoro: Ibra ‘conteso’, Inter su Kulusevski

Notizia Precedente

Napoli: lotta alla contraffazione, sequestrati migliaia di capi e accessori falsi

Prossima Notizia