Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Attualità

Boom di ingressi nei Musei per la domenica gratis

Pubblicato

in



Prosegue il successo della #domenicalmuseo, la promozione del ministero per i beni e le attivita’ culturali e per il turismo che prevede l’ingresso gratuito nei musei e nei luoghi della cultura statali ogni prima domenica del mese. Introdotta dal ministro Franceschini nel luglio 2014, dalla prima edizione sono stati circa 15 milioni i visitatori accolti gratuitamente dai musei statali. E anche oggi, sin dalle prime ore del mattino, e’ stata registrata una grande affluenza di visitatori nei musei e nei parchi archeologici statali e nei tanti musei civici che aderiscono alla promozione. Ecco alcuni dei principali dati di oggi domenica primo dicembre: – Parco del Colosseo: 20.300; – Pompei: 10.148; – Uffizi: 7.524; – Reggia di Caserta: 7.167; – Museo nazionale Romano: 6.560; – Palazzo Pitti: 6.070; – Galleria dell’Accademia di Firenze: 5.890; – Giardino di Boboli: 5.802; – Castel Sant’Angelo: 5.284; – Musei reali di Torino: 4.772; – Museo archeologico nazionale di Napoli: 4.393; – Galleria nazionale delle Marche: 3.898; – Pinacoteca di Brera: 3.698; – Museo e Real bosco di Capodimonte: 3680 (5750 nel bosco); – Gallerie nazionali d’arte antica 3.078 (Barberini: 2.286. Corsini: 792); – Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea: 2.913; – Vittoriano: 2.876; – Paestum: 2.455; – Villa d’Este: 2.254; – Galleria dell’Accademia di Venezia: 1.929 – Museo del Bargello: 1.900; – Parco archeologico di Ercolano: 1.796; – Cappelle Medicee: 1.652; – Terme di Caracalla: 1.617; – Parco archeologico di Ostia antica, 1.254; – Castello di Miramare di Trieste: 1.247 (1.574 al Parco); – Villa Adriana: 1.217; – Parco archeologico dei campi Flegrei: 1.096; – Castello Scaligero di Sirmione: 1.016; – Museo archeologico nazionale di Taranto: 561; – Palazzo Reale di Genova: 542.

Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

Caso Suarez: la procura federale della Figc apre un’inchiesta

Pubblicato

in

Caso Suarez: la procura federale della Figc apre un’inchiesta.

 

La Procura federale della Figc ha aperto un’inchiesta sul caso del calciatore del Barcellona Luis Suarez dopo l’esame di italiano sostenuto per l’ottenimento della cittadinanza. Il procuratore federale Giuseppe Chine’, a quanto si apprende, avrebbe chiesto gli atti alla magistratura ordinaria di Perugia.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Caso Suarez, l’avvocato: ‘Il rettore frainteso, esame svolto regolarmente’

L’ipotesi potrebbe essere la violazione ai sensi dell’art. 32 del codice della Figc che recita: “E’ punibile chiunque provi direttamente o tenti di compiere o consenta che altri compiano atti volti a ottenere attestazioni o documenti di cittadinanza falsi o alterati per eludere le norme in materia di ingresso in Italia e di tesseramento di extracomunitari”. Nel mirino della Procura eventuali responsabilità della società della Juventus o suoi tesserati che avrebbe organizzato l’esame per il centravanti uruguaiano come risulta dalle carte dell’inchiesta.

Continua a leggere



Calcio

Caso Suarez, l’avvocato: ‘Il rettore frainteso, esame svolto regolarmente’

Pubblicato

in

“L’esame di Luis Suarez si è svolto regolarmente, senza alcun favoritismo”. Lo afferma in una intervista a ‘La Stampa’, David Brunelli, legale del Rettore dell’Università per stranieri di Perugia che insiste sulla propria innocenza.

 

“Quando nell’intercettazione dicevo che il calciatore doveva essere sul binario, mi riferivo al percorso formativo non a una scorciatoia per essere istruito a rispondere alle domande”. Avvocato Brunelli, questa giustificazione non è un po’ strana? Nelle intercettazioni Rocca dice che hanno ‘stradato bene’ il calciatore facendogli ‘memorizzare le varie parti dell’esame’.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Truffa nell’esame di italiano per Suarez: indagati all’Università . LE INTERECETTAZIONI

Il difensore di Suarez: ‘mio assistito sereno, ha chiarito sua posizione’ 

E la professoressa risponde che Suarez ‘deve essere su quel binario’. “Devo ancora esaminare tutte le carte dell’inchiesta e con la professoressa Grego abbiamo avuto solo un rapido colloquio – sottolinea Brunelli – Ma lei ci ha tenuto a precisare che quella frase del binario, diffusa dai mass media, non è stata capita. Mi ha detto che lei si stava riferendo al binario inteso come iter educativo, corso di studio”. Ma perché ha usato il termine binario? “Perché all’università hanno la consuetudine di usare quel termine per definire il corso di studio degli stranieri. Tipo il binario degli spagnoli, quello dei francesi e in questo caso dell’uruguaiano”.

Eppure nella conversazione con Rocca si parla di instradare il calciatore facendogli addirittura memorizzare la parte da sostenere. “La mia assistita – conclude il legale – ribadisce la totale estraneità a qualsiasi illecito: il test si è svolto nel rispetto delle norme”.

Continua a leggere



Pubblicità

Pubblicità

DALLA HOME

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette