Pompei. Mr Qualunque ci ha portati in giro per il Foro da ormai quattro articoli su queste colonne digitali di Cronache della Campania. Quindi procediamo con il quinto articolo dedicato alla visita del nostro turista “alla spicciolata”, Mr Qualunque. Egli aveva appena tirato un sospiro di sollievo per l’imminente sosta all’Autogrill, pregustata dopo averlo sbirciato più volte attraverso l’arco onorifico di mattoni, al fianco del Tempio di Giove nel Foro pompeiano. Mr Qualunque sta quindi per avviarsi finalmente ad attraversare il fornice dell’Arco che lo separa ancora dal Posto di ristoro. A pochi passi ormai. Stanco di cercare con il cellulare la rete WIFI del Parco Archeologico che continua a latitare. Mr Qualunque sbircia in extremis la guida illustrata acquistata da una delle bancarelle dei Souvenir fuori dagli Scavi e legge che quell’arco d’onore era probabilmente dedicato a Germanico e sostituiva quello che era dedicato prima a Caligola.

La guida cartacea non gli racconta altro. Nemmeno che – prima che il Capannone di ferraglia da lui visto nel Foro divenisse l’unica Sala di esposizione di Pompei – i tanti reperti ivi ammassati erano precedentemente esposti nell’ Antiquarium. Mr Qualunque non lo saprà mai. Come non saprà mai che l’’Antiquarium funzionava da… Antiquarium, prima che un gravissimo furto ne portasse via ori e preziosi, negli anni Settanta del Novecento. Né saprà che l’Antiquarium, dopo un lungo periodo di “chiusura per furto” doveva essere interessato da lavori di ristrutturazione per la sua riapertura nei successivi anni Ottanta, con i fondi del famoso terremoto.Fu a quel punto che i suoi reperti scampati al furto furono trasportati in quel capannone di ferraglia “temporaneamente”. Circa quaranta anni or sono! Siamo quindi a un’era geologica fa.

LEGGI ANCHE  Napoli, a San Giovanni sequestrati 66 pacchetti di sigarette di contrabbando

Steve Jobs era appena ventenne e l’iPhone non lo aveva ancora inventato. Il Capannone di ferraglia era già là. Ma sta ancora là, a imperitura memoria.Mr qualunque non saprà nemmeno che i lavori per la ristrutturazione dell’Antiquarium iniziati nei primi anni Ottanta sono poi durati oltre un quarto di secolo. Coetanei del MOSE di Venezia, come si vede. Nelle more però, le paratie del MOSE si sono arrugginite e l’Antiquarium non fa più…l’Antiquarium. Oggi l’ex Antiquarium fa da “preambolo” alla visita degli Scavi e da locale per eventi e mostre temporanee. Ma soprattutto funge da sala vendita. Una fine davvero ingloriosa per quello che fu il vanto di Amedeo Maiuri, che nel dopoguerra ne volle la ricostruzione dopo i gravi bombardamenti che si accanirono sull’area archeologica di Pompei. Oltre un centinaio furono infatti lei bombe sganciate durante le incursioni dai Bombardieri alleati.

In quell’Antiquarium angusto e modesto – pur con il limiti di spazio e allestimento che esso aveva – ci sono però passate la maggiore intellighenzia internazionale e decine di milioni di Mr Qualunque. Nessuno, letteralmente nessuno faceva a meno di visitarlo. Un capannone di ferraglia non può raccogliere una tale eredità.Il Problema di un Museo Pompeiano si pone. Se ne deve discutere. Dentro e fuori delle mura della Città antica. Noi lo faremo anche dalle colonne di questo giornale. Intanto però dobbiamo tornare da Mr Qualunque, il quale non si pone il problema anche perché finalmente vede – al di là di ogni possibile e residuo dubbio – le ampie vetrine del Posto di Ristoro Autogrill degli .Egli rimane però un attimo interdetto in quanto – senza essere certamente un esperto, né un esteta – ne coglie il “fuori scala” dimensionale rispetto al contesto urbano antico.

LEGGI ANCHE  Napoli, Osimehn dimesso: domani nuovi esami

Le altre botteghe pompeiane – disseminate intorno – appaiono dotate di aperture “giuste”. A misura di muri tirati su con la calce, non con il cemento armato, sia pure rivestito di mattoncini pseudo romani, per un evidente soprassalto di pudore di chi autorizzò quelle vetrine in passato. Un passato abbastanza remoto, che ci permette di dire – senza che nessuno se ne dolga – che sono un vero schifo. Un inverecondo “falso storico”, come si potrebbe dire in architettese archeologico. Non andiamo oltre perché MR Qualunque, senza ulteriori remore, si avvia con passo deciso verso l’ingresso al Posto di Ristoro Autogrill. Noi lo seguiremo…

Federico L. I. Federico


Cronache Tv


Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

Muore per arresto cardiaco dopo lite con un conoscente: inchiesta a Benevento

La vittima è un uomo di 47 anni che ha litigato con un 32enne. E' accaduto davanti a un bar...
Leggi tutto

La Ue firma con Moderna la fornitura di altre 300 milioni di dosi di vaccini

La Commissione europea ha firmato con Moderna un secondo contratto per la fornitura di altre 300 milioni di dosi del...
Leggi tutto

Il Comune di Napoli annuncia: slitta al 30 aprile pagamento Tari per i commercianti

La giunta comunale di Napoli ha approvato oggi nel pomeriggio il differimento al 30 aprile del termine per il versamento...
Leggi tutto

Arrestato giovane migrante a Caserta: addosso aveva 46 grammi di hashish già diviso in dose

L’uomo, a seguito di perquisizione personale è stato trovato in possesso di 46 grammi di sostanza stupefacente
Leggi tutto

Francia: Sarkozy condannato a 3 anni per corruzione e traffico influenze. ‘Faremo ricorso’

L'ex presidente francese Nicolas Sarkozy farà appello contro la condanna a 3 anni
Leggi tutto

Festa di compleanno in un agriturismo con 50 invitati interrotta dalla polizia

E’ quanto accaduto nel tardo pomeriggio di domenica 28 febbraio in località Vignarella a San Prisco
Leggi tutto

Piazze di spaccio nell’Agro Aversano gestito dai Milone: in 29 optano per il rito abbreviato

E' quanto accaduto nel corso della prima udienza del processo con gli imputati che sono stati ammessi al rito alternativo.
Leggi tutto

Napoli, oltre alla rimozione del murale ci sono anche le cappelle abusive dedicate al baby rapinatore Ugo Russo

Oltre alla rimozione del murale ci sono anche le cappelle abusive dedicate al baby rapinatore Ugo Russo
Leggi tutto

Napoli, falsa polizza assicurativa per l’autovettura: denunciato il titolare di un’agenzia

Sono in corso ulteriori indagini al fine di accertare ulteriori condotte illecite nei confronti di altri inconsapevoli automobilisti.
Leggi tutto

Il covid stronca un dirigente della squadra mobile di Benevento

#LuigiVoccola, 51 anni è morto stamane all'ospedale Rummo di Benevento dopo oltre un mese di degenza
Leggi tutto

Muscarà: ‘Sartoria Canzanella, grazie a mia mozione tuteleremo eccellenza storica’

“Nostro impegno perché resti a Napoli e dia vita a scuola e museo laboratorio”
Leggi tutto

Contro la violenza di genere, esce il libro ‘100 Donne per Tutte’

Il libro è indirizzato a chi desidera informarsi, conoscere storie di coraggio quotidiano e sostenere un cambiamento culturale dal basso
Leggi tutto

‘Segreti in giallo Edizioni’ compie un anno: la collana editoriale diretta da due sannite

40 le pubblicazioni in catalogo, storie originali e autori da ogni parte d’Italia
Leggi tutto

Covid, si conferma in netta crescita la curva epidemica in Italia: 7,8%

La regione piu' casi e' l'#EmiliaRomagna (2.597), seguita da #Lombardia (2.135) e #Campania (1.896). 
Leggi tutto

Arrestato per falsi incidenti: simulava incidenti per ottenere risarcimenti dalle vittime

Agli arresti domiciliari un 49enne campano
Leggi tutto

Napoli, servizio Alto Impatto nella movida del Vomero

Identificate oltre 300 #persone nel corso dei controlli effettuati da carabinieri, polizia e guardia di finanza
Leggi tutto

Infortunio Ibrahimovic, ironia social: ‘Pronto per il dopo-Sanremo’

Il campione svedese salterà #Udinese, #Verona e #Napoli in campionato, e la doppia sfida con il #Manchester in coppa
Leggi tutto

Ragazza muore investita da auto della polizia durante un inseguimento

E' accaduto in in via Salone a Settecamini, Roma.
Leggi tutto

Covid, il tasso di incidenza in Campania arriva al 13%

Con un minor munero di tamponi diminuiscono i nuovi casi in assoluto ma aumentano anche i morti e le #terapieintensive
Leggi tutto

Napoli, in 600 firmano per Sergio d’Angelo candidato a sindaco

"Siamo un gruppo di operatori sociali, scrittori, imprenditori, artisti, professionisti di vario genere e semplici cittadini napoletani. Chiediamo a Sergio...
Leggi tutto


Ti potrebbe interessare..