Gli ultimi temporali hanno acuito le criticita’ esistenti in tutta l’area flegrea. Il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, si e’ visto costretto a prorogare con apposita ordinanza, fino a mercoledi’ 27 novembre, la chiusura al pubblico del cimitero di via Luciano. Il provvedimento si e’ reso necessario per salvaguardare la pubblica e privata incolumita’. I lavori di messa in sicurezza dei luoghi interessati da dissesti, provocati dalle violenti precipitazioni della scorsa settimana, smottamenti del suolo e avvallamenti del terreno, nonostante un significativo dispiegamento di uomini e mezzi, hanno subito rallentamenti per il prosieguo delle avversita’ meteorologiche. Gli interventi sono ancora in piena fase di svolgimento. Al cimitero si potra’ accedere unicamente per le operazioni indifferibili ed urgenti richieste per ragioni igienico-sanitarie ed esclusivamente per le tumulazioni e gli interri, per i quali sara’ consentito l’accesso ad un numero limitato di familiari. Intanto sui litorali sia flegreo che domizio si fa la conta dei danni. Dopo le mareggiate che hanno eroso in maniera consistente il litorale di Miliscola tra Bacoli e Monte di Procida, almeno dieci metri di arenile inghiottito dal mare, sono assai critiche anche le situazioni degli arenili di Lucrino e Licola nel comune di Pozzuoli e di Baia a Bacoli. Le tre spiagge, molto frequentate in estate, sono completamente invase da rifiuti di ogni genere, in particolare residui di plastica, riversati dal mare in tempesta negli ultimi giorni. Il problema principe dei sindaci, ora, e’ dover provvedere alla raccolta e allo smaltimento di queste centinaia di quintali di rifiuti restituiti dal mare.

Renato Pagano
Contenuti Sponsorizzati