Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Flash News

Catturata la luce cosmica più brillante mai vista

Pubblicato

in



Finora era stata prevista solo da studi teorici, ma nessuno l’aveva mai vista: e’ la luce cosmica piu’ brillante mai registrata, addirittura cento miliardi di volte piu’ energetica della luce visibile. Emessa da un lampo gamma generato da una violentissima esplosione cosmica, e’ stata rilevata lo scorso gennaio grazie a un perfetto gioco di squadra tra telescopi nello spazio e sulla Terra. La sua scoperta e’ pubblicata su Nature da un’ampia collaborazione internazionale a cui l’Italia partecipa con l’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), l’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn), l’Agenzia spaziale italiana (Asi) e varie universita’. Il lampo di raggi gamma, chiamato Grb 190114c, e’ stato scoperto in modo indipendente dai telescopi a bordo di due satelliti: il Neil Gehrels Swift Observatory e il Fermi Gamma-ray Space Telescope. “Le sue coordinate, che lo localizzavano in cielo tra le costellazioni dell’Eridano e della Fornace, sono state distribuite via internet agli astronomi di tutto il mondo in 22 secondi”, spiega Francesco Longo, di Infn e Universita’ di Trieste. L’allerta e’ cosi’ arrivata ai telescopi a terra come il Rem dell’Inaf, situato in Cile, che ha colto l’emissione ottica dell’evento, e i due telescopi gemelli Magic nelle isole Canarie, che sono entrati in azione nel giro di 30 secondi. Grazie alla loro velocita’, sono riusciti a captare i fotoni di piu’ alta energia mai misurati per questo tipo di eventi celesti, osservati fino a mezz’ora dopo l’esplosione del lampo gamma. “Ciascun fotone ha un’energia dell’ordine del teraelettronvolt, pari a quella di una zanzara in volo”, precisa Antonio Stamerra dell’Inaf di Roma e co-portavoce della collaborazione Magic. “Poter osservare il fenomeno alle energie piu’ alte e’ da sempre stato un obiettivo della ricerca in questo settore, in quanto i fotoni di piu’ alta energia ci portano informazioni dalle regioni piu’ vicine all’origine del fenomeno”, aggiunge Marco Tavani dell’Inaf di Roma. “Dalla nostra analisi – dice Lara Nava, dell’Inaf di Milano – il candidato favorito per spiegare l’emissione di altissima energia e’ il cosiddetto processo di Compton inverso, in cui i fotoni ricevono l’energia osservata da una popolazione di elettroni di energia ancora piu’ alta che sono stati accelerati dall’esplosione”. Questo e’ un “processo fisico inedito per i lampi gamma, che ci permettera’ di capire meglio i meccanismi alla loro origine”, conclude Stamerra. (

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Campania

Nuova ordinanza in Campania: scuole chiuse, coprifuoco alle 23 e niente asporto

Pubblicato

in

scuole chiuse

Nuova ordinanza in Campania: scuole chiuse, coprifuoco alle 23 e niente asporto.

 

Non riaprono le scuole elementari in Campania, e confermato il coprifuoco alle 23. Sono i punti salienti dell’ordinanza numero 85 che il presidente della Regione, Vincezo De Luca, si appresta a firmare.

All’infuori di nidi e asili (0-6 anni), viene confermata la didattica a distanza nella scuola primaria e secondaria, salvi i progetti per alunni con disturbo dello spettro autistico e diversamente abili, gia’ adottate con ordinanza 82. Confermato il divieto di mobilita’ interprovinciale, “ferma la forte raccomandazione a non allontanarsi dal territorio comunale se non strettamente necessario”. Per le attivita’ di ristorazione divieto di asporto (salvo che gli esercizi con consegna all’utente in auto e con sistema di prenotazione da remoto); consentita la consegna a domicilio, con partenza dell’ultima consegna alle 23. Confermato l’obbligo di rientro a casa entro le 23, e per l’attivita’ di jogging la fascia oraria 6-8,30. Le disposizioni hanno efficacia fino al 31 ottobre, data nella quale l’Unita’ di crisi effettuera’ nuove valutazioni, sulla base dell’andamento epidemiologico. L’Unita di crisi valutera’, insieme all’Anci, entro il 28 ottobre prossimo, determinazioni in vista della commemorazione dei defunti (1 e 2 novembre).  Per il resto della materia si rinvia “alle disposizioni del Dpcm del 24 ottobre 2020”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Nuovo record di Campania: 2590 nuovi casi di coronavirus in un giorno

Resta in vigore in Campania il divieto di mobilità interprovinciale in vigore dal 23 ottobre.  Gli spostamenti tra province sono permessi solo se connessi ad esigenze relative a motivi di salute, comprovati motivi di lavoro, comprovati motivi di natura familiare, motivi scolastici o afferenti ad attività formative o socio-assistenziali e altri motivi di urgente necessità. E’ in ogni caso consentito il rientro presso la propria residenza o domicilio abituale. Nell’ordinanza regionale si ribadisce “la forte raccomandazione, contenuta nel Dpcm del 24 ottobre, a non allontanarsi dal territorio comunale se non strettamente necessario”.

Continua a leggere

Le Notizie più lette