Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Caserta e Provincia

Santa Maria Capua Vetere: Il carcere ‘scoppia’, allarme per il sovraffollamento dei detenuti

Pubblicato

in



Oltre 200 detenuti sopra la capienza regolare, 100 unità di personale della polizia penitenziaria in meno rispetto al dovuto. Sono i numeri denunciati dal sindacato Sippe dopo la visita di una delegazione formata da Carmine Olanda. Alessandro De Pasquale, Michele Vergale e Ciro Borrelli presso il Penitenziario di Santa Maria Capua Vetere.
“A prima vista la struttura si presenta accogliente – commenta De Pasquale – certamente ci sono diverse problematiche che abbiamo segnalato in varie occasioni, anche attraverso delle lettere importanti. Alcuni problemi sono stati risolti, mentre gli altri problemi li abbiamo segnalato ancora oggi”.
“La direttrice Elisabetta Palmieri ed il comandante di Reparto Gaetano Manganelli si sono resi disponibili – spiega Ciro Borrelli – ad affrontare le problematiche che gli abbiamo segnalato, chiaramente questo istituto “come nelle altre realtà” necessita di un protocollo di intesa locale che disciplina la vita lavorativa dei poliziotti che operano nel Penitenziario”.
“Abbiamo preso atto – aggiunge Michele Vergale – che la gravissima carenza di personale di Polizia Penitenzia che oggi ammonta a circa 100 unità, dato in continua crescita a causa dei prossimi pensionamenti, rende difficile tutte le attività del penitenziario. Al 31 Agosto 2019 la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere ospitava 1.020 detenuti, di cui 58 donne e 184 stranieri, a fronte di una capienza regolamentare di 819 posti letto. Il dato è allarmante anche a livello regionale perché nei 15 istituti erano presenti complessivamente 7.577 detenuti di cui 982 stranieri, 374 donne, a fronte dei 6.157 posti letto. Per questi motivi faremo i nostri interventi presso il Ministero della Giustizia per segnalare questi dati allarmanti”.
“Come sindacato – conclude Carmine Olanda – ringraziamo pubblicamente Elisabetta Palmieri ed il Comandante di Reparto Manganelli Gaetano averci ricevuto con accoglienza ed ospitalità. Apprezziamo i loro sforzi che quotidianamente affrontano per garantire la sicurezza dell’Istituto e tutti i servizi annessi per mandare avanti la struttura. Auspichiamo che i nostri successivi confronti siano dettati sempre dallo spirito di collaborazione e di rispetto reciproco. Il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede deve dare una risposta urgente e concreta a queste problematiche, la Polizia Penitenziaria ha bisogno di fatti non dei semplici sorrisini”.

 Gustavo Gentile

Continua a leggere
Pubblicità

Caserta e Provincia

Aggressione ad una guardia giurata all’ospedale Moscati di Aversa

Pubblicato

in

Aggressione ad una guardia giurata all’ospedale Moscati di Aversa dell’istituto di vigilanza Cosmopol con prognosi di 2 giorni.

 

E’ accaduto ieri mattina quando è arrivata in ospedale una anziana accompagnata dal figlio. L’uomo ha fermato l’auto al pronto soccorso  pretendendo che gli vengano prestati subito i soccorsi e per questo inizia ad inveire contro l’infermiera.
Interviene la guardia giurata di servizio che si interpone tra l’energumeno e l’infermiera per difendere la stessa calmando gli animi. L’uomo però ha continuato ad inveire minacciando verbalmente la guardia giurata tanto che sono intervenute alcune persone presenti al pronto soccorso per evitare lo scontro fisico.

“Ma resta lo sconforto della guardia giurata, lavoratore e padre di famiglia, -spiega il coordinatore cittadino per i circoli insieme per il meridione Michele Onorato- che svolgendo il suo lavoro viene mortificato e minacciato verbalmente. Noi tutti ci auguriamo che in tempi brevi chi ci governa riesca a capire l’importanza delle guardie giurate nel mondo del lavoro e diano il giusto riconoscimento per il lavoro svolto soprattutto nei pronto Soccorso degli ospedali Campani”.

Continua a leggere



Caserta e Provincia

Un camionista di 42 anni è stato trovato morto in un’area di servizio del casertano dopo essersi fermato per fare un “pisolino”

Pubblicato

in

La tragedia è avvenuta nell’area di servizio di Dragoni, sulla Strada Statale Telesina.

Stando a quanto emerso l’uomo si era fermato per riposare qualche ora all’interno della cabina del suo camion prima di rimettersi in viaggio. Purtroppo però non si è più svegliato.

Ad accorgersi del dramma un collega camionista che ha chiamato i soccorsi. Nonostante il tempestivo intervento dei sanitari del 118 per l’uomo non c’era già nulla da fare: i medici non hanno potuto fare altro che constatare l’avvento decesso causato da un arresto cardiaco.

Continua a leggere



Pubblicità

Pubblicità

DALLA HOME

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette