Regione Campania, Di Scala (Fi): “La nomina del marito è un ‘trappolone amico’ contro la Ciarambino&#...

SULLO STESSO ARGOMENTO

“A differenza di altri che vedono ‘porcate’ dappertutto, sempre e comunque, se il marito della capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle ha ricevuto un incarico a Bruxelles non c’e’ nulla di male. Semmai dovremmo chiederci percheé la collega Ciarambino sia stata per questo presa di mira soprattutto dal ‘fuoco amico'”. Lo afferma la consigliera regionale campana di Forza Italia Maria Grazia Di Scala intervenendo sulla notizia dell’ingresso di Domenico Migliorini, consorte della capogruppo M5S in Consiglio Regionale Valeria Ciarambino, nello staff dell’europarlamentare Chiara Maria Gemma (M5S). “Naturalmente, non osando intanto immaginare il putiferio che si sarebbe scatenato se qualcosa di analogo fosse accaduto nel centrodestra – aggiunge Di Scala -, appare evidente che la collega Ciarambino sia caduta in un trappolone”. “Infatti, chi nel suo movimento la ritiene una presenza scomoda nella nuova sfida col governatore De Luca ha trovato adesso un buon motivo per indebolirla, per defenestrarla”, conclude l’esponente di Forza Italia.






LEGGI ANCHE

Estrazioni del Lotto e numeri vincenti 10eLotto del 20 febbraio

Ecco le estrazioni del Lotto di oggi 20 febbraio: BARI 04 76 81 14 49 CAGLIARI 12 25 58 47 72 FIRENZE 44 47 11 34 32 GENOVA...

Approvato il Documento strategico di indirizzo per il Piano Urbanistico di Napoli

Nella Commissione Urbanistica di Napoli è stato approvato all'unanimità il Documento strategico di indirizzo che orienterà le politiche urbanistiche del Comune in previsione della...

Casalnuovo, ‘Una Città Che Scrive’ dedica la nona edizione del Premio Letterario a Giulia Cecchettin

L'ideatore del premio, Giovanni Nappi, ha sottolineato che questa edizione rappresenta un forte e chiaro messaggio contro la violenza sulle donne. Il bando per il...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE