Napoli, torna il tram da San Giovanni al centro: oggi le prime prove

google news

Napoli. Terminati i lavori sulla sede tranviaria di via Marina, ritrova il tram sulla linea di costa, da a ​p​iazza Municipio.​ Dopo tre anni di stop a causa del rifacimento di via Marina, l’Anm​ (Azienda napoletana mobilità)​ ha potuto far partire stamattina le prove di esercizio dei mezzi che in questi tre anni sono stati custoditi nel deposito di San Giovanni e manutenuti dalle maestranze di Anm. “Il lavoro è cominciato già da ieri – spiega il direttore di esercizio filotranviario Pierpaolo Martino – quando abbiamo posizionato i cartelli di divieto di sosta per annunciare ai cittadini di ​c​orso San Giovanni che il tram stava per ripartire. I cittadini hanno rispettato il divieto e siamo partiti con le prove: alle 8.30 il primo tram ha percorso il tratto da ​c​orso San Giovanni al Ponte dei Francesi e fino a Marina dei Gigli. Abbiamo effettuato prove di funzionalità della linea e anche del preciso distanziamento dei binari, che sono nuovi. Abbiamo verificato anche gli assorbimenti di alimentazione elettrica in una serie di test che proseguiranno nei prossimi giorni”. Dopo la fase dei test partiranno le prove Ustif, previste per legge e nel giro di un mese e mezzo il servizio tornerà a portare i passeggeri. In questi tre anni di stop, i tram sono stati manutenuti nel deposito di San Giovanni, dove ci sono alcuni metri di percorso con i binari, ma ora devono essere provati approfonditamente sui percorsi in strada. Anm ha una flotta di 22 tram Sirio e di 18 vecchi tram Ctk che hanno subito in questi anni una ristrutturazione profonda e sono stati adeguati alle normative vigenti. Anche i vecchi tram, rimessi a nuovo, torneranno in circolazione per far provare a cittadini e turisti il fascino della storia del trasporto a Napoli. “Anm – spiega l’amministratore unico Nicola Pascale – crede molto nella scommessa sulla mobilità elettrica. Oggi è ripartito il tram per le prove e a breve li rivedremo circolare. Entro Natale ritroverà appieno la sua linea di trasporto costiero elettrico, con binari nuovi e su una strada tutta nuova realizzata dall’amministrazione comunale. Abbiamo tenuto in buone condizioni i mezzi in questi tre anni e ora siamo pronti a ripartire. Sempre in tema di mobilità elettrica contiamo di rilanciare con l’importante intervento su viale Colli Aminei per aumentare di 11 km la rete filoviaria”. ​