Aggiornato -

19 Agosto 2022 - 01:34

Aggiornato -

venerdì 19 Agosto 2022 - 01:34
HomeCampaniaAvellino e ProvinciaIl Novecento di Pietro D'Achiardi, seminario di Storia dell'Arte ad Avellino

Il Novecento di Pietro D’Achiardi, seminario di Storia dell’Arte ad Avellino

Sabato 28 settembre alle ore 17,30 , presso il salone del Circolo della Stampa di […]
google news

Sabato 28 settembre alle ore 17,30 , presso il salone del Circolo della Stampa di Avellino (Prefettura) al Corso Vittorio Emanuele 6, si tiene il seminario di Storia dell’Arte “Il Novecento di Pietro D’Achiardi”.
L’evento è promosso dal Circolo culturale degli “ Amici del MdAO ”, con la collaborazione dell’ Associazione Culturale ACO e del MdAO – Art Museum. Con questo evento si darà inizio all’attività di promozione della Storia dell’Arte e della cultura del Circolo culturale degli “ Amici del MdAO ” per questo semestre.
Intervengono: prof. Angelo Cutolo , dott. Gaetano Arciuolo, dott. Antonio Carpentieri, rev.mo Don Gerardo Capaldo. Relaziona il prof. Stefano Orga (critico d’arte) con una relazione sul tema “L’attività artistica di Pietro D’Achiardi”. A moderare il dibattito il giornalista Francesco Iannaccone. (Per informazioni e contatti: mdao@libero.it).

Pietro D’Achiardi, figlio di Antonio e di Annamaria Camici, nacque a Pisa il 28 agosto 1879 in una famiglia di scienziati e di dicenti universitari. Ma Pietro fece una scelta diversa, studiò contemporaneamente lettere e pittura. Si laureò in lettere nel 1900. Nel 1901 psi trasferì a Roma, ove studiò Storia dell’Arte conseguendo il diploma in Storia dell’Arte moderna e contemporanea con Adolfo Venturi (1846-1941). Iniziò a collaborare con la rivista romana L’Arte . Esordì nel 1902 all’ Esposizione della Società degli Amatori e dei Cultori di Roma.
Realizzò vari viaggi in città europee dal 1905 al 1906, per approfondire i suoi studi storico-artistici. Nel 1905 pubblicò il saggio “Gli affreschi di San Pietro a Grado” presso Pisa e quelli nel portico della Basilica Vaticana, nel 1908 pubblicò una monografia su Sebastiano del piombo. Nello stesso anno ottenne la libera docenza in Storia dell’arte medioevale e moderna, ma fu chiamato dal Papa Pio X con il compito di sistemare l’istituenda Pinacoteca Vaticana , realizzò il percorso espositivo e scelse le 277 opere da mostrare; la pinacoteca fu inaugurata dal Pontefice il 28 marzo 1909, con Papa Pio XI.
Nel 1909 vinse il concorso per Ispettore della Galleria Borghese , rimanendo in attività fino al 1913. Nello stesso anno entrò nell’Associazione artistica internazionale con il suo maestro Adolfo Venturi. L’anno seguente entrò come socio ordinario alla Società degli acquarellisti di Roma e divenne anche socio dell’Associazione degli Acquafortisti italiani . Nel 1910 fu nominato membro della Commissione per le Mostre retrospettive di Castel Sant’Angelo. L’anno successivo entrò nell’Associazione artistica “Secessione”, divenendo un protagonista di primo piano, prima come consigliere del direttivo e poi consigliere delegato. Sempre nel 1911 divenne ispettore dell’Ufficio esportazione degli oggetti d’arte e di antichità. Nel 1913 dovette lasciare l’incarico di Ispettore alla Galleria Borghese, perché vinse il concorso di docente ordinario di Storia dell’Arte all’ Accademia di Belle Arti di Roma, insegnando fino alla morte. Ebbe anche l’incarico di docente presso la Scuola Superiore di Architettura. Fu nominato membro della Pontificia Accademia Romana di Archeologia. Nel 1929 realizzò i mosaici per la Sala del Mappamondo a Palazzo Venezia a Roma. Dalla metà degli anni Venti Pietro d’Achiardi diventò famoso per le sue opere d’Arte Sacra Liturgica e devozionale, la prima soprattutto musiva. Pubblicò vari saggi fa cui si ricordano: Raffaello (1920), Caratteri e valori dell’arte italiana (1936), Giotto e San Francesco (1937), Valori artistici e orientamenti critici (1938). Realizzò varie opere in mosaico soprattutto per basiliche e chiese, essendo un fervente cattolico, fra queste si ricordano i mosaici della Basilica del Getsemani a Gerusalemme, quelli della Chiesa dell’Ara Coeli di Roma, e quelli per la Tomba di Pio XI alle grotte vaticane.
Si spense nella sua città natale Pisa il 21 dicembre 1940.

Regina Ada Scarico
Regina Ada Scarico
Regina Ada Scarico, ha lavorato per oltre 15 anni nel mondo del teatro e dello spettacolo in generale e ha avuto esperienze molto lunghe in qualità di amministratrice e coordinatrice di compagnia in spettacoli complessi, con numerosi attori e personale. Ha curato, sempre nell’ambito delle compagnie teatrali e anche nell’ambito più generale dell’organizzazione di eventi, sia i rapporti con Enti e soggetti terzi sia quelli con la stampa e il mondo dei mass media, avendo gestito più volte in piena autonomia l’ufficio stampa in occasione di spettacoli, rassegne, mostre ed eventi

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news

Leggi anche

Oroscopo oggi, previsioni segno per segno. Pesci fortunati oggi

L'oroscopo oggi. Il segno fortunato del 19 agosto è quello dei Pesci Ariete La passione si veste di possessività, vi attaccate alla persona amata quasi fosse...

Superenalotto, il jackpot a 257,2 milioni di euro. TUTTE LE QUOTE

Nessun '6' né '5+' al concorso di oggi del Superenalotto. Realizzati nove 5 da 28mila euro. Alla prossima estrazione il jackpot a disposizione del...

Sorrento, arriveranno tra 48 ore i dati Arpac su divieto balneazione

Sorrento. Entro 48 ore si sapra' se il divieto di balneazione, scattato lo scorso 13 agosto in due tratti di costa a Sorrento e...

Estrazioni del Lotto e numeri vincenti 10eLotto

Ecco le estrazioni del Lotto di oggi 18 agosto: BARI 76 59 86 84 25 CAGLIARI 72 67 07 17 82 FIRENZE 77 88 44 71 39 GENOVA...
spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita