Juve-Napoli vietata ai nati in Campania, Salvatore Esposito: ‘Schifo, vergogna, tristezza’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Con la decisione di vietare la vendita a chi è nato in Campania dei biglietti per la sfida Juventus-Napoli del 31 agosto “si arriva alla vergogna, allo schifo e alla tristezza più totale. Il calcio e’ un gioco e voi lo state distruggendo”. Queste le parole con cui Salvatore Esposito, l’attore partenopeo divenuto famoso con il personaggio di Genny Savastano in Gomorra commenta la decisione della Juventus sul divieto della vendita dei tagliandi. “Sono nato a Napoli – afferma Esposito in un video su Facebook – e ne sono fiero, sono nato in Campania e ne sono fiero, sono tifoso del Napoli e ne sono fierissimo. Volevo dire agli organi competenti, all’Uefa, alla Fifa, alla Lega Serie A, che fanno lotte contro il razzismo ‘say no to racism’ e poi permettono che venga vietata la trasferta non solo ai tifosi di una determinata squadra, perché questo accade tutte le squadre, ma a chi é nato in una determinata zona e a chi è residente in una determinata Regione, in questo caso la Campania. Di questo passo credo si arrivi alla vergogna, allo schifo e alla tristezza più totale. Il calcio è di tutti, dal ragazzino al nonno che vuole e deve andare allo stadio, perchè questo è un gioco e voi questo gioco lo state distruggendo”.







LEGGI ANCHE

Traffico rifiuti tra Lazio e Campania, due arresti e sequestro 860mila euro

Nell'ambito di un'operazione condotta dalla Procura di Roma e eseguita dalla Polizia Ferroviaria del Compartimento di Roma e dai Carabinieri Forestali del Nipaaf del Gruppo Carabinieri di Viterbo, sono stati arrestati due individui e sequestrati circa 860mila euro. L'attività di indagine si è concentrata sul traffico illecito di rifiuti metallici, in particolare piombo e rame, tra la provincia di Viterbo e la provincia di Caserta. Le attività organizzate per il traffico illegale dei rifiuti coinvolgevano...

Caserta, commerciante pusher inviava i collaboratori per le consegne a domicilio

All'apparenza era una normale consegna a domicilio da parte dun collaboratore del commerciante. Ma in effetti era uno spaccio di droga. Invece della spesa però appunto consegnavano droga. Protagonisti un commerciante della  frazione Marzanello di Vairano Scalo che è finito in carcere e due collaboratori. Un giovane del luogo, già noto alle forze dell'ordine, si occupava della vendita al dettaglio di cocaina e hashish spostandosi continuamente per evitare controlli, mentre un cittadino straniero, apparentemente irreprensibile, aveva...

Caserta, il sindaco: “La visita di Mattarella momento storico per città”

Il Sindaco di Caserta, Carlo Marino, ha espresso profonda gratitudine al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per la sua visita nella città. Un evento straordinario considerato un momento storico per Caserta, evidenziando l'attenzione speciale del Capo dello Stato nei confronti della comunità casertana. L'impegno e la statura morale di Mattarella, insieme alla sua vicinanza ai cittadini, rappresentano un incoraggiamento per continuare a lavorare duramente per il bene della città. Il Sindaco ha anche manifestato l'aspettativa di...

Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE