Seguici sui Social

Musica

‘Estate al Cortile’, rassegna di musica e teatro alla Real Casa Santa dell’Annunziata. Dall’8 al 18 agosto

PUBBLICITA

Pubblicato

il



Dal teatro classico contemporaneo alla musica popolare, dal canto di strada alla musica classica sino allo spettacolo popolare. Il Cortile della Real Casa Santa dell’Annunziata ospita, dall’8 al 18 agosto 2019, la rassegna “Estate al Cortile” a cura dell’Associazione Il Canto di Virgilio, promossa e sostenuta dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, nell’ambito del programma dell’Estate a Napoli 2019. 11 appuntamenti tra musica e teatro offerti gratuitamente al pubblico di cittadini e turisti che potrà godersi in uno dei luoghi più suggestivi del centro storico della città, il meglio della produzione artistica della tradizione classica napoletana.
“Lo scorso anno per la prima volta scegliemmo di aprire gli spazi dell’Annunziata offrendo innanzitutto agli abitanti di quel territorio, ma non solo a loro, l’opportunità di godersi durante le serate estive una serie di spettacoli in un luogo che rappresenta un’eccellenza del patrimonio monumentale cittadino. L’esperimento ebbe indubbiamente successo. Quest’anno quindi abbiamo pensato di rilanciare e raddoppiare l’offerta. Da poco infatti è terminata la rassegna “I luoghi delle fiabe” dedicata ai bambini e alle famiglie che ha registrato il tutto esaurito per cinque sere di seguito e ora diamo inizio all’Estate al Cortile, che siamo certi incontrerà il favore di un vastissimo pubblico”, ha affermato l’assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, Nino Daniele.
Ad inaugurare la rassegna, giovedì 8 agosto, Antonella Morea con una celebre opera di Annibale Ruccello dal titolo, “Mamma”, regia di Gerardo D’Andrea. A seguire, il 9 agosto, Lalla Esposito e Massimo Masiello racconteranno e canteranno il grande Raffaele Viviani con ” ‘E primme vase tuoje l’aggio avute io” mentre nella notte di San Lorenzo, il 10 agosto, sarà protagonista la voce e la musica di Mario Maglione in, ‘E stelle ‘e Napule”. Patrizia Spinosi si esibirà l’11 agosto nel concerto dal titolo, “Il mare di fronte” mentre Iolanda Schioppi porterà in scena, il 12 agosto, in lingua napoletana “Troiane – Figlie di un Dio minore?”. Aurora Giglio presenterà nel cortile dell’Annunziata, il 13 agosto, l’antica arte della Posteggia Napoletana, mentre il 14 Matteo Mauriello si esibirà in una fantasia di versi, prosa e musica dal titolo, “Soirèe Napoletana”. Ferragosto è con Ciro Capano & Orchestra in “Suoni e Sospiri di Napoli”, un recital di canzoni classiche partenopee. Il 16 agosto poi, miti, storie e leggende tratti dalla tradizione dei cantastorie con Lello Ferraro in “Contacunte”. La voce inconfondibile di Fiorenza Calogero animerà la serata del 17 agosto con “Vento del Sud”. Gran finale, il 18 agosto, con il concerto “Neapolitanata” con il mezzosoprano Gabriella Colecchia e i chitarristi Enzo Amato e Francesco Scelzo. Tutte le sere dalle ore 20,30 alle 21, 00 “Una Partenope narrata” a cura di Antonio Faiello Show.

LEGGI ANCHE  C'è anche un casertano nel team che ha realizzato la nuova stazione della metro di New York

Continua a leggere
Pubblicità

Musica

‘Plague’, il secondo singolo i Damiano Davide con Lino Cannavacciuolo

Il singolo anticipa la pubblicazione del suo primo album, atteso per il 29 gennaio 2021, per il roster New Generation di Apogeo Records.

Pubblicato

il

Dal 15 gennaio è disponibile sulle migliori piattaforme di streaming, Plague, il secondo singolo di Damiano Davide che si pregia del suadente violino di Lino Cannavacciuolo.

Il singolo anticipa la pubblicazione del suo primo album, atteso per il 29 gennaio 2021, per il roster New Generation di Apogeo Records.

http://lnkfi.re/Plague

“Plague è un contagio musicale, l’evocazione di una pestilenza che nasce e trae la sua forza da un’unica, singola, nota ribattuta. Si diffonde nell’aria gelida e sottile dell’inverno e non lascia altra scelta che fuggire.

Un pianoforte, un violoncello, un contrabbasso e il violino gitano e suadente di Lino Cannavacciuolo lottano senza tregua contro un male invisibile e impossibile da fermare. Nel ritmo serrante di una rincorsa violenta verso l’immunità, l’unica occasione di salvezza è data da una lunghissima frase del violino capace di fermare il tempo attraverso la memoria di un ricordo lontano”.

Lino Cannavacciuolo

Compositore, pianista e direttore d’orchestra, Damiano Davide ha alle spalle una vita musicale ricca di esperienze. Professionista del teatro musicale e dell’opera lirica, ha coltivato l’interesse anche per la musica tradizionale, il melodramma, il folk anglosassone, il minimalismo e la musica da film. Da menzionare sono le collaborazioni con i Viamedina (musica popolare, world) e La Terza Classe (folk, bluegrass). Recentemente ha intrapreso un’intensa collaborazione con il violinista e compositore Lino Cannavacciuolo.

LEGGI ANCHE  Covid, 95 positivi a Rocca d' Evandro: rischio zona rossa

Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2021/01/maradona-a-napoli-via-alla-raccolta-fondi-per-realizzare-opera-darte/

Crediti singolo:

Pianoforte : Damiano Davide
Violino: Lino Cannavacciuolo
Violoncello: Davide Maria Viola
Contrabbasso: Rolando Maraviglia
Prodotto da Damiano Davide e Marco Balestrieri

Mixato da Damiano Davide
Masterizzato da Filippo Passamonti al VDSS Recording Studio

Continua a leggere

Le Notizie più lette