Clochard accoltellato perché voleva entrate nel negozio: arrestati il titolare e un giovane amico

Due persone sono state fermate nella notte dai carabinieri della compagnia di Montesarchio, insieme a quelli della stazione di Arpaia e di Arienzo, su disposizione del pm Maria Colucci della procura di Benevento perché accusati del tentato omicidio di un clochard avvenuto l’altra mattina. L’uomo, un 30enne di Genova, era trovato ieri sanguinante in un’area di servizio di Forchia. I carabinieri hanno arrestato due persone: un 51enne di Forchia e un 18enne di Arienzo in provincia di Caserta. A scatenare l’aggressione sarebbe stata una lite scoppiata tra i tre in seguito al tentativo del 30enne di accedere all’esercizio commerciale di proprietà del commerciante caudino. Secondo una prima ricostruzione sarebbe stato il 18enne a sferrare la coltellata all’addome dell’uomo che poi si sarebbe allontanato a piedi, ferito, fino ad arrivare al distributore di carburanti situato lungo la strada statale Appia dove è stato ritrovato, soccorso e portato in ospedale. Ai componenti dell’equipaggio del 118 che lo avevano soccorso, il clochard aveva riferito di essersi ferito da solo cadendo. Ma i fatti ricostruiti dai carabinieri, che hanno preso visione delle immagini delle videocamere, poste a sorveglianza del negozio del commerciale di Forchia (che quest’ultimo avrebbe cercato di cancellare così come le macchie di sangue) hanno restituito un’altra dinamica. Intanto, nel pomeriggio di ieri, il 30enne è stato operato presso l’ospedale Rummo ed è fuori pericolo. Il 18enne, che attualmente si trova nel carcere di contrada Capodimonte a Benevento, dovrà rispondere di tentato omicidio; mentre il 51enne, che invece è agli arresti domiciliari, di favoreggiamento personale.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati