“Non possiamo pensare che dopo un mese dal mondiale i problemi siano risolti, vogliamo pero’ un percorso perche’ anche il calcio femminile diventi uno sport professionistico”. Lo ha detto Sara Gama, capitano della nazionale di calcio femminile e dalla Juventus, che oggi in municipio a Trieste ha ricevuto il sigillo trecentesco del Comune dal sindaco Roberto Dipiazza. “In Italia – ha aggiunto Gama – solamente quattro sport sono professionistici”: calcio maschile, golf, ciclismo e basket maschile. “Serve quindi un cambiamento complessivo del sistema sportivo. Per quanto riguarda il calcio femminile non e’ una questione legata agli stipendi, ma ai diritti come l’assicurazione e la maternita’”. Per quanto riguarda gli obiettivi sportivi del prossimo anno con il club, ha confermato: “Vogliamo ripeterci sia in campionato che in coppa Italia, c’e’ poi la supercoppa che ci manca. Per quanto riguarda la Champions, con la formula a eliminazione diretta e’ piu’ difficile, pero’ la affronteremo con molta serenita’”.

#EFEFEF; padding-top: 5px;">
LEGGI ANCHE  Good Time, il singolo d'esordio di Manuel Mercuri

Sara Gama, serve percorso per professionismo donne
di Redazione Cronaca per Cronache della Campania

ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Real, Zidane: James? Non mi riguarda, se ne occupano i presidenti

Notizia precedente

Carabiniere ucciso, ascoltati due ospiti dell’hotel di lusso: i vigili del fuoco esplorano i tombini

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..