La famiglia del giovane americano: ‘A Roma se ci diranno che possiamo vederlo’

SULLO STESSO ARGOMENTO

La famiglia di Elder Finnegan Lee, accusato dell’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, in una dichiarazione alla Cnn, ha fatto sapere: “Scriviamo come una famiglia per esprimere le nostre più sentite condoglianze alla famiglia e alla comunità in lutto che ha amato il brigadiere Cerciello Rega. Siamo scioccati e sgomenti per gli eventi che sono stati segnalati, ma abbiamo pochissime informazioni indipendenti su questi eventi”. La famiglia del giovane ha aggiunto che non è stata in grado di comunicare con il figlio e ha fatto appello alle persone, affinché rispettino la propria privacy. “Abbiamo in programma di andare a Roma non appena il Dipartimento di Stato ci assicurerà che saremo in grado di vedere nostro figlio”, ha segnalato ancora la famiglia del ragazzo.
Uno si fa chiamare su Instagram King of Nothing, il Re del niente, e nella sua mini biografia scrive che “la morte e’ certa, la vita no”. L’altro e’ descritto come “spacciatore, rabbioso e violento”. Finnegan Lee Elder, il ragazzo che ha confessato di aver accoltellato otto volte il brigadiere Mario Cerciello Rega, e Gabriel Natale-Hjorth, che era con lui, vengono descritti da amici e ex compagni di scuola come persone da cui molti stavano alla larga. “Finnegan e’ un tipo strano, ma non cattivo”, dice il suo ex compagno di liceo, Charlie Lupenow. Elder frequentava la Santa Barbara City College assieme a Natale-Hjorth, giocatore di lacrosse, una variante sull’erba dell’hockey con le retine a posto della mazza. Era stato Gabriel, che ha parenti in Italia, a convincerlo a fare una vacanza a Roma. Alla stazione Abc di San Francisco, un amico di scuola, senza fornire il nome, descrive Natale-Hjorth cosi’: “Quando e’ sotto effetto delle droghe, Gabriel va fuori di testa e diventa rabbioso, qui e’ famoso per essere uno spacciatore”. In un’intervista a Kpix, un altro compagno di Hjorth, Tommy Flynn, aggiunge: “E’ uno cattivo, da sempre, ma il fatto che abbia avuto l’audacia di compiere un atto cosi’ violento anche all’estero e’ raggelante. E’ disgustoso pensare di aver ucciso un poliziotto, quando e’ gente che lavora per la sicurezza di tutti”.


Torna alla Home


Napoli, cittadino dello Sri Lanka ridotto in fin di vita in una lite ai Ponti Rossi

Si è trasformata in tragedia una festa tra cittadini stranieri nella zona dei Ponti Rossi a Napoli culminata in una lite con accoltellamento. Un uomo di 31 anni originario dello Sri Lanka si trova infatti ricoverato in pericolo di vita all'ospedale Cardarelli dove è stato trasportato poco dopo la mezzanotte. Secondo...

Napoli, nigeriano fermato mentre tenta di violentare una donna

Un uomo di nazionalità nigeriana è stato fermato dagli agenti della polizia municipale di Napoli mentre cercava di compiere un'aggressione sessuale. L'episodio si è verificato in via Marchese Campodisola, vicino a piazza Bovio, dove il sospetto stava molestando una donna. I cittadini che hanno assistito alla scena hanno  avvertito la...

Eboli, morto anche l’anziano coinvolto nell’incidente costato la vita ai due carabinieri

E' morto l'anziano coinvolto nell'incidente stradale lungo la statale tra Eboli e Campagna della scorsa settimana in cui morirono i due carabinieri: l’appuntato scelto Francesco Ferraro, 27 anni, e il maresciallo Francesco Pastore di 25, entrambi pugliesi. Il 75enne Cosimo Filantropia era ricoverato in gravi condizioni dalla notte dell'incidente. E...

Napoli, inchiesta sul vessillo del figlio del boss durante la processione dei Fujenti

E' stata aperta un'inchiesta per risalire ai responsabili che durante la processione dei Fujenti della Madonna dell'Arco nei giorni scorsi al rione Traiano hanno alzato il vessillo di Fortunato Sorianiello, detto Foffy ucciso nel 2014 da un clan rivale in un agguato mentre si trovava in un salone di...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE