“A me non ha offerto niente nessuno”. Così il presidente del Consiglio Giuseppe Conte risponde, rientrato nella notte all’hotel Amigo a Bruxelles, alla domanda se sia vero che all’Italia sia stata offerta la presidenza del Consiglio Europeo per Enrico Letta. Conte però ha avuto un lungo colloquio notturno, finito alle 4 del mattino, con la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese Emmanuel Macron, e con il premier lussemburghese Xavier Bettel, all’Hotel Amigo a Bruxelles. Il colloquio si è svolto dopo la fine, alle 2 del mattino, della riunione del Consiglio europeo che aveva discusso delle nomine dei nuovi vertici dell’Ue, senza trovare un accordo. Lo hanno riferito fonti di Palazzo Chigi, senza precisare gli argomenti discussi; ma per il presidente del Consiglio sarà stata un’occasione per parlare, oltre che delle nomine Ue, anche del negoziato in corso con la Commissione europea per evitare la procedura per deficit eccessivo contro l’Italia per la violazione della regola del debito. Il Consiglio europeo riprende oggi alle 9.30 per fare il punto sulla Brexit, in formato a 27, e poi come vertice dell’Eurozona per discutere delle riforme dell’Unione economica e monetaria.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati