Sabato 4 maggio apre la biglietteria del Napoli Teatro Festival

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sabato 4 maggio apre, presso il Palazzo Reale di Napoli, la biglietteria centrale del Napoli Teatro Festival Italia 2019. Con accesso da Piazza del Plebiscito, una sala al pianterreno accoglierà, ogni giorno dalle 10 alle 19, il pubblico che vorrà ricevere informazioni e acquistare i biglietti degli oltre 200 eventi in programma(il 7 maggio la biglietteria centrale resterà chiusa perché non sarà consentito l’accesso al Palazzo Reale).
I ticket saranno acquistabili anche online attraverso il sito della manifestazione https://www.napoliteatrofestival.it/. Durante il Festival, il pubblico potrà acquistare i biglietti anche presso il botteghino del teatro in cui si svolge l’evento, a partire da un’ora prima dello spettacolo.
La dodicesima edizione del NTFI, la terza diretta da Ruggero Cappuccio, realizzata con il sostegno della Regione Campania, presieduta da Vincenzo De Luca, e organizzata dalla Fondazione Campania dei Festival, guidata da Alessandro Barbano, inizierà il prossimo 8 giugno e proseguirà fino al 14 luglio. 37 giorni di programmazione, distribuiti in 40 luoghi tra Napoli e altre città della Campania, dove andranno in scena creazioni mai presentate in Italia, con oltre 60 prime di spettacoli italiani e stranieri e coproduzioni che confermano l’attività produttiva del Festival.
Il Napoli Teatro Festival Italia si pone come organismo di crescita culturale e sociale, in tal senso favorirà la partecipazione del pubblico, continuando a proporre un’oculata politica di prezzi, con biglietti popolari (da 8 a 5 euro) e agevolazioni assolute per le fasce sociali più deboli.
Per il terzo anno consecutivo, Palazzo Reale di Napoli ospita, nei suoi diversi spazi, la Casa del Festival, confermando l’obiettivo di valorizzazione dei beni architettonici e paesaggistici della Campania, oltre a rappresentare un luogo di assoluta centralità in città. Oltre alla biglietteria e all’Infopoint, la splendida dimora borbonica ospiterà proiezioni, incontri, spettacoli e concerti e, presso il suo Giardino Romantico accoglierà il Dopofestival.
Per informazioni:
Casa del Festival, Palazzo Reale di Napoli, Piazza del Plebiscito 1 – biglietteria@napoliteatrofestival.it; http://www.napoliteatrofestival.it
Biglietti: Intero € 8 / Ridotto under 30 e over 65 € 5 / Teatro Ragazzi e Letteratura € 5 / Prove aperte Laboratori € 3 / Pompeii Theatrum Mundi da € 10 a € 30
Gratuito diversamente abili con un accompagnatore e pensionati titolari di assegno sociale.
Promozione Insieme a Teatro Due biglietti al prezzo di uno per i possessori delle carte dei partner che aderiscono all’iniziativa (elenco sul sito).






LEGGI ANCHE

Pomigliano, 130 anni della Camera del Lavoro di Napoli: focus sull’industria automobilistica

Primo appuntamento oggi a Pomigliano per i 130 anni dalla costituzione della Camera del Lavoro di Napoli, con l'iniziativa, "Dall'Alfa Sud a Stellantis: passato, presente e futuro del distretto industriale a Pomigliano d'Arco". "Avviamo le celebrazioni per i 130 anni della Camera del Lavoro di Napoli - ha affermato il segretario generale della Cgil Napoli e Campania, Nicola Ricci - con questa prima importante riflessione sulle politiche industriali e sulla storia dello stabilimento di Pomigliano. Negli anni...

Di Bello fermato in Serie A, ma andrà ad arbitrare al Bernabeu in Champions

Marco Di Bello sarà presente in campo mercoledì sera al Bernabeu, designato come quarto uomo nel team italiano che dirigerà Real Madrid-Lipsia, ottavo di ritorno (con il vantaggio di 1-0 per Ancelotti in Germania) previsto per il prossimo 6 marzo. Il fischietto principale sarà Davide Massa, con Alassio e Meli come assistenti. Gli arbitri VAR saranno Irrati e Valeri, che si occuperanno delle decisioni davanti al monitor. Di Bello è stato recentemente al centro delle...

Casarin: “Gli arbitri sono confusi, le regole cambiano troppo spesso”

L'ex arbitro e designatore Paolo Casarin, attuale opinionista di 'Radio Anch'io Sport' su Radio Rai 1, ha parlato degli errori arbitrali dell'ultimo turno: "Gli arbitri si trovano in una fase complicata, influenzati da frequenti cambiamenti nelle regole che causano confusione e compromettono inevitabilmente il loro giudizio". "Si cerca di rendere il calcio più spettacolare intervenendo costantemente sulle norme per favorire la produzione di gol, ma dubito fortemente che un risultato di 6-0 sia più apprezzato...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE