rissa di cadice



“Abbiamo presentato la richiesta di scarcerazione per che ho incontrato in carcere, ieri mattina, dopo la conferenza stampa tenutasi nell’albergo  “Alfonso XIII” a Siviglia. Alla presenza di diversi giornalisti abbiamo chiarito la posizione di mio nipote Emilio. Purtroppo, ripeto, quel video messo sui social fa vedere solo gli ultimi minuti della rissa, non fa vedere la prima parte del litigio dove gli spagnoli hanno picchiato gli italiani e quindi pure mio nipote”. Da Cadice, il penalista Cipriano Di Puorto, che sta seguendo fin dal primo giorno la vicenda, cerca di far emergere tutta la verità sull’episodio della rissa della scorsa settimana  dove è rimasto coinvolto il nipote di Villa di Briano, in provincia di Caserta, in carcere perché accusato di lesioni gravi ai danni di un giovane spagnolo. “Mio nipote non fa altro che chiedere come sono le condizioni di salute del ragazzo ferito, perché la sua libertà è legata proprio al miglioramento di salute del giovane tutt’ora in ospedale a Cadice. Naturalmente il carcere spagnolo è stata una brutta esperienza per Emilio, lui studia per diventare avvocato, stava facendo l’Erasmus,  e spera di tornare presto a casa e soprattutto spera di riprendere gli studi.  Inoltre la famiglia di Emilio è comunque pronta a prendersi le responsabilità del gesto di mio nipote. Quindi si sta mettendo in contatto con i genitori per chiedere scusa e risarcire il danno come abbiamo sottolineato pure al giudice spagnolo che dopo aver ascoltato diversi testimoni ora sicuramente ha una visione globale di questa brutta storia”.

LEGGI ANCHE  Controlli straordinari ad Ottaviano: 17 giovani multati. In giro con il coprifuoco
ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: 7 arresti a Livorno e Napoli

Notizia precedente

Lite in centro di accoglienza, arriva la condanna definitiva per extracomunitario

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..