Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Flash News

Napoli, omicidio di Lello Perinelli, la famiglia e l’avvocato in aula: ‘Fu premeditato’

Pubblicato

il

lello perinelli


 Napoli. Per Adelaide Porzio e Francesca Perinelli, rispettivamente madre e sorella di Raffaele Perinelli – il giovane calciatore ucciso a Miano, il 6 ottobre 2018, da Alfredo Galasso, reo confesso – come anche per il loro avvocato, Enrico Di Finizio, il delitto di Lello fu premeditato. “Da almeno sette giorni – spiega l’avvocato Di Finizio – c’era la volontà di compiere l’assassinio. Era solo questione di trovare l’occasione giusta. E Galasso conosceva benissimo le abitudini di Lello”. La famiglia, comunque, malgrado non sia stata contestata la premeditazione, si è sostanzialmente ritenuta soddisfatta della richiesta avanzata dal sostituto procuratore Capuano. Nel corso della requisitoria il pm ha più volte detto che Lello “era un bravo ragazzo, era veramente un bravo ragazzo”. Capuano ha anche spiegato i motivi che avrebbero portato Galasso ad uccidere Lello: “Galasso nutriva rancore e gelosia nei confronti di Lello per via di una sua ex ragazza che in precedenza era stata la fidanzata del giovane calciatore. Una relazione, tra Galasso e questa ragazza, che pero’ era ormai finita. Galasso, secondo l’accusa, temeva che Lello e questa giovane fossero tornati insieme. “Dopo l’alterco cercato da Galasso davanti alla discoteca di Coroglio – sottolinea Di Finizio – durante il quale ebbe la peggio, il 31enne disse a tutti, in giro, che si sarebbe vendicato, sia per l’epilogo della sua vicenda sentimentale che per lo sfregio sul viso che riporto’ durante la colluttazione in discoteca”

Continua a leggere
Pubblicità

Flash News

Il medico di Maradona in lacrime dopo le accuse: ‘Ho fatto l’impossibile’

Pubblicato

il

Il medico di Maradona in lacrime
foto da rai sport

Il medico personale di Diego Maradona, Leopoldo Luque, si e’ difeso, in lacrime durante una conferenza stampa, dalle accuse di negligenza nelle cure del calciatore morto mercoledi’ all’eta’ di 60 anni.

La procura argentina ha aperto un’indagine per omicidio colposo e tra i principali indiziati vi e’ il medico 39enne che lo aveva operato un paio di settimane prima del decesso. “Volete sapere di cosa sono responsabile?”, ha chiesto Luque tra i singhiozzi. “Di averlo amato, di essermi preso cura di lui, di avergli allungato la vita, di averla migliorata fino in fondo”. Luque ha detto di aver fatto “tutto quello che poteva, fino all’impossibile” e si considerava un “amico” di Maradona e lo vedeva “come un padre, non come un paziente”. Il giovane chirurgo, titolare di una clinica a Buenos Aires, aveva pubblicato una sua foto con Maradona quando l’ex giocatore aveva lasciato l’ospedale il 12 novembre, otto giorni dopo l’intervento di rimozione di un edema al cervello.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Il medico di Maradona accusato di omicidio colposo

Maradona e’ tornato a casa a Tigre, a nord della capitale argentina, dove ha ricevuto cure mediche 24 ore su 24 e poteva rimanere vicino alle sue figlie. “Sarebbe dovuto andare in un centro di riabilitazione. Non voleva”, ha detto Luque che ha definito Maradona un paziente “ingestibile”. Luque ha poi spiegato di non sapere perche’ non ci fosse il defibrillatore da usare in caso di crisi cardiaca nella casa di Maradona e ha chiarito che l’assistenza domiciliare non era sua responsabilita’.

“Sono un neurochirurgo”, ha sottolineato. “Sono la persona che si e’ presa cura di lui. Sono orgoglioso di tutto quello che ho fatto. Non ho nulla da nascondere. Sono a disposizione della giustizia”, ha insistito. L’avvocato di Maradona, Matias Morla, aveva chiesto un’indagine sulle affermazioni secondo cui le ambulanze hanno impiegato piu’ di mezz’ora per raggiungere la casa del mito del calcio in risposta a una chiamata di emergenza il giorno della sua morte. Luque ha affermato che un’ambulanza avrebbe dovuto essere parcheggiata li’ fuori. “Non so chi sia responsabile del fatto che non ci fosse un’ambulanza”, ha affermato.

Continua a leggere

Le Notizie più lette