Camorra, arrestato in Marocco il latitante Raffaele Vallefuoco

SULLO STESSO ARGOMENTO

 Arrestato nelle scorse ore in Marocco Raffaele Vallefuoco, latitante, nella lista dei 50 piu’ pericolosi ricercati italiani. Accusato di associazione camorristica, Vallefuoco sarebbe affiliato al clan Polverino e deve scontare 30 anni. E’ stato arrestato a Skirhat, nel nord del Paese, nella regione di Rabat, grazie alla collaborazione tra Interpol e Dsgt, gli 007 del Marocco. Raffaele Vallefuoco, 55 anni, era gia’ stato arrestato a marzo del 2012, in Spagna. Quella volta, ricercato da dieci anni, era stato sorpreso nella villa di Jerez de la Fronteira, in Andalusia, insieme al boss Giuseppe Polverino, detto “‘o Barone” e considerato tra i piu’ importanti trafficanti di droga in Italia. Di li’ a due mesi l’estradizione e il processo. Ma un vizio di forma rimise in liberta’ Vallefuoco, accusato dalla Dda di Napoli di associazione di tipo mafioso e associazione finalizzata al traffico e spaccio di stupefacenti aggravata dal metodo mafioso. Di Raffaele Vallefuoco si persero di nuovo le tracce. Fino ad oggi. Era finito poco oltre la Spagna, li dove un braccio di mare divide l’Europa dal Marocco. Vallefuoco e’ il secondo latitante arrestato in Marocco, nel giro di poco, dopo Antonio Prinno, sorpreso a l’Ourika, nei dintorni di Marrakech, lo scorso marzo






LEGGI ANCHE

Morti sul lavoro, presidio di Cgil e Uil  domani in piazza del Plebiscito a Napoli

Napoli. Domani mercoledì 21 febbraio, alle ore 15, è previsto un presidio promosso da Cgil e Uil insieme alle categorie degli edili Fillea e...

Stop alla circolazione lungo la Cumana per ‘motivi tecnici’

A causa di "motivi tecnici", è stato temporaneamente sospeso il transito dei treni lungo una tratta della Cumana, come annunciato dall'Ente Autonomo Volturno in...

Casalnuovo, ‘Una Città Che Scrive’ dedica la nona edizione del Premio Letterario a Giulia Cecchettin

L'ideatore del premio, Giovanni Nappi, ha sottolineato che questa edizione rappresenta un forte e chiaro messaggio contro la violenza sulle donne. Il bando per il...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE