Marcianise, la revoca dei ‘funzionari esterni’ non è ancora avvenuta. Negli uffici si rivede la Finanza

SULLO STESSO ARGOMENTO

Marcianise. Ad una settimana dal Consiglio non c’è stato ancora un atto ufficiale. Intanto le fiamme gialle sono state avvistate in piazza Umberto I per acquisire nuova documentazione. Trascorsa una settimana dal consiglio comunale che ha permesso al sindaco di Marcianise, Antonello Velardi di restare ancora in sella all’amministrazione grazie all’accordo in extremis raggiunto coi consiglieri del Partito democratico sulla revoca dei contratti ai funzionari esterni e comandati che sono stati ‘oggetto’ delle trattative politiche per l’approvazione del bilancio di previsione.
Ma ad oggi ancora nessun provvedimento ufficiale è stato adottato da parte degli uffici comunali, anche se tutti i diretti interessati sono stati avvisati (alcuni si sono messi anche in ferie nel frattempo….) della nuova linea decisa dall’amministrazione che prevede un taglio alle spese per il personale esterno. Intanto, però, circola già la data per quello che potrebbe (o dovrebbe) essere l’ultimo giorno di lavoro per tutti i funzionari esterni e comandati che sono arrivati a Marcianise sotto l’egida di Antonello Velardi: il 15 maggio.
Oggi, intanto, negli uffici di piazza Umberto I è stata avvistata nuovamente la Guardia di Finanza, che, stando ai rumors trapelati, avrebbe acquisito documentazione negli uffici comunali. Potrebbe trattarsi del primo passo per riscontrare la denuncia presentata nei giorni scorsi dal gruppo di opposizione capeggiato da Dario Abbate sui rimborsi concessi al datore di lavoro del sindaco per i giorni in cui avrebbe lavorato in Comune e sui quali ci sarebbe piedi qualche discrasia tra le giornate rimborsate e la presenza effettiva del primo cittadino in città.






LEGGI ANCHE

Blitz a Pomigliano d’Arco: armi e droga, indagata famiglia peruviana

A Pomigliano d'Arco, i carabinieri della stazione locale hanno condotto un blitz presso un'abitazione situata in via Mauro Leone. L'operazione ha coinvolto un'intera famiglia...

Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE