Agguato al Rione Villa: ritrovato lo scooter usato dai sicari

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Lo scooter, utilizzato per compiere il raid di morte, avvenuto nella mattinata di oggi a San Giovanni a Teduccio, alla periferia orientale di Napoli, è stato rinvenuto dagli agenti della polizia alla periferia di San Giorgio a Cremano, un comune a pochi chilometri dal luogo dell’agguato. Non si esclude che i sicari abbiano un altro veicolo per poi allontanarsi. Il mezzo è stato dato alle fiamme, evidentemente per cancellare eventuali tracce. Sono in corso, comunque, da parte degli agenti della polizia scientifica, gli accertamenti. Una pioggia di proiettili. Per Luigi Mignano, 57 anni, ritenuto dagli investigatori vicino al clan Rinaldi, non c’e’ stato scampo; ferito alle gambe il figlio Pasquale, di 32 anni. L’ultimo omicidio a Napoli si è consumato nella mattinata di oggi, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, nella periferia orientale della città, nei pressi di una scuola dell’infanzia. Un quartiere già scenario delle ‘stese’ della camorra (esplosione di colpi di pistola lungo le strade a scopo intimidatorio). L’agguato sotto gli occhi di un bambino di 4 anni, figlio di Pasquale, che nonno e papa’ stavano accompagnando a scuola. Quando sul posto sono arrivate le forze dell’ordine a terra c’era ancora lo zainetto del bimbo. Luigi e Pasquale Mignano erano appena usciti da casa, in via Ravello, e stavano salendo a bordo della loro auto quando sono stati sorpresi dai killer, giunti in sella ad uno scooter. I sicari, di cui uno a volto coperto, hanno esploso 12 colpi di pistola. Un agguato che ha suscitato la reazione indignata dei cittadini della zona ed ha riacceso la polemica tra le forze politiche e i rappresentanti delle istituzioni sulla sicurezza in citta’. “Noi, la scuola, le associazioni, la parrocchia, ci sentiamo abbandonati”, ha accusato Valeria Pirone, dirigente della scuola “Vittorino Feltre” di Napoli, che si trova vicino al luogo dell’agguato. “Fino a stamattina eravamo fiduciosi che la situazione fosse migliorata, poi un agguato davanti ad un bimbo di quattro anni, il nipote della vittima, ci ha fatto capire che la ferocia e’ aumentata”, ha rilanciato padre Modesto Bravaccino che guida la comunita’ della chiesa, a due passi dal luogo del raid. Per il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, dinanzi a fatti come questi “basta parole, servono fatti”. Per il primo cittadino di Napoli è necessario “chiedere allo Stato piu’ forze di polizia perchè il controllo del territorio è compito esclusivo e precipuo dello Stato”. Ma per il deputato della Lega, Gianluca Cantalamessa, il Viminale sta facendo la sua parte sostenendo inoltre che il sindaco “non solo e’ inadeguato a risolvere i problemi della citta’ ma addirittura li usa per farne campagna una deludente campagna elettorale”. Preoccupazione e’ stata espressa anche dal presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca. “Siamo alla barbarie. Il terribile omicidio del rione Villa ci ricorda drammaticamente che sicurezza e lotta alla criminalità sono – ha detto De Luca – una priorità. Ci aspettiamo immediata ed efficace dallo Stato”. “La camorra oggi ha nuovamente mostrato tutta la sua bestialità, la sua ferocia. E’ inaccettabile che questi fatti accompagnino la vita di tanti napoletani onesti. Non dobbiamo diminuire l’attenzione su territori già cosi’ provati dall’arroganza della mafia”, ha scritto su twitter il senatore Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare antimafia. Intanto, prosegue senza sosta il lavoro degli agenti della squadra mobile della questura di Napoli per fare luce su quest’ultimo omicidio. Si indaga a tutto campo ma si parte da una certezza: i sicari sono entrati in azione per uccidere.



Torna alla Home

telegram

LIVE NEWS

Il programma dell’ultima giornata di Serie A: sfide salvezza in contemporanea

La Lega Serie A ha comunicato il calendario degli anticipi e dei posticipi per la 38ª e ultima giornata del campionato. Il turno finale si aprirà con l'anticipo tra Cagliari e Fiorentina giovedì 23 maggio, concedendo ai viola un giorno extra per preparare la finale di Conference League. Napoli in...

 Sorrento, riaprono rianimazione e terapia intensiva in ospedale

Sorrento. È stata inaugurata la nuova sala del reparto di rianimazione e terapia intensiva nell'ospedale Santa Maria della Misericordia di Sorrento. La cerimonia di inaugurazione ha visto la partecipazione del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, del sindaco di Sorrento, Massimo Coppola, e del direttore generale dell'ASL Napoli 3...

CRONACA NAPOLI