Violenza Circum, i sindacati: “L’indignazione non basta, servono azioni mirate per la sicurezza nelle stazio...

SULLO STESSO ARGOMENTO

Non basta l’indignazione, servono azioni mirate per rendere più sicure le stazioni ferroviarie: lo sostengono le rappresentanti dei coordinamento delle Pari Opportunità di Cgil, Cisl e Uil di Napoli. “Le parole non potranno mai cancellare lo sgomento, il dolore e i momenti di terrore vissuti dalla giovane ventiquattrenne di Portici che, nel pomeriggio di ieri, è stata violentata nell’ascensore della circumvesuviana di San Giorgio a Cremano” hanno detto Cinzia Massa, Anna Letizia e Vera Buonomo. “L’indignazione da sola non basta, servono azioni mirate, specifiche, efficaci. Molte stazioni di circumvesuviana e metropolitana sono incustodite, senza controlli, senza sicurezza, eppure sono luoghi in cui ogni giorno transitano migliaia e migliaia di persone, di cittadine e cittadini, che hanno il diritto di potersi muovere in libertà e senza paura” sottolineano Massa, Letizia, Buonomo. “Cosa deve ancora accadere affinché si prendano provvedimenti veri? Le responsabilità inevitabilmente ricadono sulle istituzioni e su chi governa le nostre città, servono maggiori controlli, maggiore sicurezza e azioni che mirino a prevenire e ad evitare altri episodi e fatti inammissibili come quello accaduto in pieno giorno nella città di San Giorgio”.






LEGGI ANCHE

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE