La Basilicata al centro destra: vince l’ex generale della Finanza, Vito Bardi, grande tifoso del Napoli

Il centrodestra si avvia a vincere le elezioni regionali in Basilicata, per la prima volta dopo 24 anni: con lo spoglio delle sezioni al 50%, il candidato governatore Vito Bardi è avanti con oltre il 42% delle preferenze. Il Movimento 5 stelle crolla invece rispetto alle scorse politiche, ma resta primo partito (19,3%) in un testa a testa con la Lega (18,7%). Carlo Trerotola del centrosinistra e’ secondo, poco sotto il 35%. Male il Partito democratico, che si ferma all’8,5%. In rialzo l’affluenza, al 53,58%. “Abbiamo scritto la storia: la Basilicata e’ pronta per il cambiamento. Chiamero’ Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni per fare una grande festa”, esulta Bardi. “Al primo posto nell’agenda c’e’ il lavoro – afferma poi l’ex generale della Guardia di finanza, indicato come candidato da Forza Italia -. I giovani saranno presenti e dovranno avere opportunità in questa terra. Trasparenza, meritocrazia e legalità saranno al centro. La regione è di tutti e io sarò il presidente di tutti”. Amaro il commento del candidato m5s Antonio Mattia: “C’è un dato positivo per il movimento, ma la delusione personale resta. Spero che il neo governatore lavori nell’interesse dei lucani e non di Berlusconi, anche se non ci credo: la nostra guardia sarà alta, perchè questo è il peggior centrodestra di sempre”. Già ieri in tarda serata erano arrivate invece le congratulazioni di Trerotola a Bardi: “Farò opposizione, lo devo ai cittadini”. Il leader di Fi ha festeggiato il suo candidato su Twitter: “Evviva, la Basilicata si è data finalmente un buon governo! Complimenti a tutti gli amici lucani che hanno saputo votare bene!”. Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ne approfitta invece per tornare a chiedere alla Lega di abbandonare M5s: “Mi auguro che stacchi la spina dopo le europee, se non intende perdere consensi e essere considerata corresponsabile di questo pessimo governo”.

Dalle Fiamme Gialle alla presidenza della Regione Basilicata. Il candidato del centrodestra Vito Bardi è l’uomo su cui Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni hanno puntato per conquistare la Basilicata. Una scommessa vinta, quella dell’ex generale della Guardia di Finanza. Nato a Potenza nel 1951, Bardi ha conseguito quattro lauree: Economia e Commercio, Giurisprudenza, Scienze internazionali e Diplomatiche, Scienze della sicurezza Economica e Finanziaria. Da 35 anni è sposato con Gisella, dalla quale ha avuto due figli: Andrea e Luca. Nel corso della sua lunga carriera Bardi è stato insignito di numerose onorificenze (tra cui il titolo di Grande Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana). Appassionato di calcio, Bardi è un gran tifoso azzurro: “Le uniche pause me le concedo quando gioca il mio Napoli”. A proposito della sua candidatura Bardi ha detto: “Quando mi è stato chiesto di ridare alla mia terra quello che mi ha dato in termini di crescita e formazione, candidandomi a presidente della Regione, ho risposto nell’unico modo che potessi: presente”. Infatti #Presente è uno degli slogan scelti per la sua campagna elettorale. E le sue prime parole dopo il voto richiamano questo claim: “I lucani hanno risposto presente”.

Contenuti Sponsorizzati