Il pentito Schiavone jr: “Il clan aveva una talpa all’interno dei Ros”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Caserta. Nuove rivelazioni del collaboratore di giustizia Nicola Schiavone, figlio del boss Francesco alias Sandokan: i verbali sono stati depositati dai pubblici ministeri della Dda di Napoli, Alessandro D’Alessio e Maurizio Giordano, nel procedimento giudiziario che ha portato in carcere l’ex sindaco di Capua Carmine Antropoli e nonché primario del Cardarelli di Napoli. E dalle dichiarazioni emergono delle pesanti accuse su altri insospettabili personaggi. L’ex rampollo del clan dei Casalesi ha spiegato ai giudici: ‘Il clan aveva una talpa all’interno dei Ros. Si tratta di un parente dell’ex sindaco di Trentola Nicola Pagano e dell’imprenditore Domenico Pagano. Questa persona ci dava le soffiate pure sugli arresti per gli omicidi come il triplice delitto Minutolo-Papa-Buonanno’. Il pentito Schiavone già nel processo Jambo ha parlato di altri professionisti e di sindaci “a disposizione” del clan, ed in particolare quelli di San Marcellino e Frignano nel 2007, e sulle ingerenze del boss Michele Zagaria nel centro commerciale di Trentola Ducenta che vede sotto accusa proprio Nicola Pagano.






LEGGI ANCHE

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE