Da Lucrezia Borgia alla strage di Erba, dal delitto di Chiavenna a Erika e Omar: uno sguardo poggiato con delicatezza su 13 atroci commessi da donne nell’arco di oltre 500 anni; 13 racconti nati dalla creatività di 15 autrici e messi in scena da 25 interpreti. È questo il fil rouge dell’originale rassegna “13 assassine”, in scena al Teatro Tram dal 2 al 14 aprile.  Un format del tutto nuovo, ideato dal direttore artistico Mirko Di Martino, che per la prima volta mescola scrittura, rappresentazione e cronaca, imponendo alla rassegna un denominatore comune che attraversa secoli, storie, identità e realtà: una novità non solo per il modo in cui i delitti vengono raccontati e messi in scena, ma anche in termini di idea progettuale e complessità, visto il nutrito numero di professionisti coinvolti tra scrittura, regia, interpretazione e messa in scena. Per due settimane ogni giorno in scena 4 spettacoli di circa 25 minuti ciascuno, dalle 19.30 alle 22.30. Il pubblico potrà scegliere se assistere a un solo spettacolo, a più di uno o a tutti quelli in programma nella serata.
“Questo format nasce dalla volontà di abbandonare la curiosità morbosa che spesso accompagna i fatti di cronaca più feroci – spiega Mirko Di Martino – per indagare invece a fondo nelle dinamiche interiori che muovono una mano assassina. In un momento storico in cui il mondo femminile soccombe a innumerevoli episodi di violenza, abbiamo voluto cercare di capire dove si annida la genesi di un omicidio quando a commetterlo è una donna (e spesso, come in molti dei casi trattati, lo è anche la vittima). Nessun intento, da parte nostra, di minimizzarne o enfatizzarne le dinamiche, anzi: la presenza di 15 autrici vuole essere un plauso alla capacità, tutta femminile, di scandagliare i fenomeni umani”. Sabato 30 marzo, alle ore 18, aperitivo di presentazione delle storie alla presenza di Mirko Di Martino, direttore artistico del Tram e ideatore del format, e delle autrici.
Le 13 storie:
LEONARDA CIANCIULLI di Marina Cioppa, regia di Michele Brasilio, con Consiglia Aprovidolo e Stefania Remino;
LA STRAGE DI ERBA di Rossella Corsuto e Valeria G. Salvi, regia di Roberta Misticone, con Milena Pugliese e Livia Berté;
PIA BELLENTANI di Leda Conti, regia di Sergio Di Paola, con Leda Conti e Sergio Di Paola;
IL DELITTO DI CHIAVENNA di Arianna Cristillo, regia di Giuliano Casaburi con Arianna Cristillo, Antonio Granatina, voci di Chiara Di Bernardo, Giusy Ruggiero, Angela Caputo;
RINA FORT di Angela Rosa D’Auria, con Elena Fattorusso, Roberta Frascati e Pietro Juliano;
ERIKA E OMAR di Patrizia Di Martino con Rosaria Langellotto;
L’OMICIDIO ROCCIA di Claudia Balsamo, regia di Raffaele Bruno, con Roberta Aprea e Consiglia Aprovidolo;
MASCIA TORELLI di e con Rebecca Furfaro;
SONYA CALEFFI testo e regia di Sharon Amato, con Antonia Cerullo e Valerio Lombardi;
DANIELA CECCHIN di e con Raimonda Maraviglia e Alessia Thomas, e con Sabrina Gallo, regia di Silvia Brandi;
FRANCA BAUSO di Milena Pugliese con Marco Fandelli;
LUCREZIA BORGIA di e con Iole Schioppi, e con Josèpha yavul Pangia;
BEATRICE CENCI di e con Ramona Tripodi

A’ Paranza d’o’ Lione a Torre Annunziata per il Progetto ‘+Kespazio Giovani’

Notizia Precedente

Rubati vasi di rame e ottone dal cimitero di Pagani: l’ira dei cittadini

Prossima Notizia

Ti potrebbe interessare..

Altro Rubriche