Torre Annunziata, prime indagini per la morte di Anna Verso la donna deceduta in ospedale

SULLO STESSO ARGOMENTO

Torre Annunziata. Saranno le indagini disposte dalla procura di Torre Annunziata a stabilire le cause della morte di Anna Verso, la 55enne di Torre annunziata, deceduta oggi pomeriggio all’ospedale Sant’Anna di Boscotrecase. Dopo la denuncia dei familiari, il pm di turno della procura oplontina ha disposto il sequestro della salma. L’improvvisa morte, dopo 4 giorni di degenza in ospedale, ha scatenato l’ira dei parenti che hanno aggredito medici e infermieri ed hanno vandalizzato il reparto di medicina d’urgenza del nosocomio di Boscotrecase. I carabinieri hanno identificato i presunti responsabili che sono stati denunciati per danneggiamento, la direzione dell’Asl Na 3 deciderà se procedere nei confronti degli aggressori.
Nei prossimi giorni, invece, la Procura dovrà valutare se esistono responsabilità mediche nel decesso della donna.






LEGGI ANCHE

Blitz a Pomigliano d’Arco: armi e droga, indagata famiglia peruviana

A Pomigliano d'Arco, i carabinieri della stazione locale hanno condotto un blitz presso un'abitazione situata in via Mauro Leone. L'operazione ha coinvolto un'intera famiglia...

Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE