Ospedale di Caserta, apparecchio per laparoscopia pagato il 330% in più: Il pm ha chiesto 26 rinvii a giudizio

Apparecchio per laparoscopia per l’ospedale Di Caserta pagato il 330% in più. Il pm ha chiesto 26 rinvii a giudizio. Il pubblico ministero della Procura presso il Tribunale di Napoli Walter Brunetti ha chiesto il rinvio a giudizio per 26 imputati. Il gip  ha fissato l’udienza preliminare per il prossimo 21 febbraio.
Il reato ipotizzato è quello di turbativa d’asta in concorso. Questo l’elenco di coloro per i quali la Procura di Napoli ha chiesto il processo: Domenico Ovaiolo, ex direttore amministrativo dell’Azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta, Nicola Tufarelli, dirigente della stessa azienda, Loredana Di Vico, Vincenzo Dell’Accio, Rosario Dell’Accio, Gennaro Ferrigno, Antonio Dell’Accio, Claudia Dell’Accio, Giuseppe Tortoriello, Gaetano Iorio, Elena Dell’Accio, Giovanni Ruggiero, Vincenzo De Vincenzo, Antonio Ippolito, Corrado Ursumando, Lorenzo Rocco, Salvatore Bellofiore, Antonio Carotenuto, Luca Russo, Luigi Moramarco, Maria Bianchi, Antonio Pace, Francesco Carafa, Maurizio Postiglione, Angela Maddalena.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati