Napoli, ristoratore aveva reagito alla rapina, picchiato e accoltellato: preso uno dei banditi

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Gli agenti della VI Sezione Criminalità Diffusa della Squadra Mobile hanno eseguito un’Ordinanza di Custodia Cautelare agli arresti domiciliari emessa dall’Ufficio del GIP del Tribunale di Napoli nei confronti di Antonio Macor, di 34 anni. Nella notte di settembre del 2017 a Piazza Carità una Volante aveva notato una persona sanguinante al volto, che poco prima era stata vittima di una tentata rapina. In particolare due uomini armati si erano avvicinati in sella ad uno scooter alla vittima tentando di rapinarla dell’incasso del suo ristorante. Alla sua reazione, l’uomo veniva colpito ripetutamente alla testa con il calcio della pistola e con un coltelo al polpaccio della gamba destra. Le immediate indagini degli agenti della Squadra Mobile, sostenute in particolar modo dall’analisi delle immagini del sistema di videosorveglianza, hanno consentito all’Autorità Giudiziaria di emettere il provvedimento restrittivo che è stato notificato al napoletano. Macor è indagato per i reati in concorso di tentata rapina, lesioni aggravate, detenzione illegale di armi.






LEGGI ANCHE

“Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

"Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE