Cuoco morto nel crollo sul ristorante ad Atrani: tre condanne

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sono tre le condanne per la morte del cuoco del ristorante “Zaccaria” Carmine Abate ucciso da una frana nel 2010 mentre stava in cucina. Il giudice del tribunale di Salerno ha condannato ad un anno e mezzo Andrea Barbaro, proprietario del costone roccioso interessato al cedimento, e un anno ciascuno agli amministratori del ristorante, Annamaria Staiano e Zaccaria Pinto. A tutti gli imputati sono state concesse le attenuanti generiche con sospensione della pena. I tre sono stati condannati in solido al risarcimento danni così come richiesto dalle parti civili che si sono costituite nel processo. I danni saranno stabiliti in sede civile però è stata stabilita come provvisionale una somma di 250mila euro per i familiari. Assolti, invece, con formula piena per non aver commesso il fatto i professionisti coinvolti ovvero il direttore dei lavori per l’autorità di bacino Destra Sele, Il rup e relatore per le frane dell’autorità di bacino, un geologo e un funzionario dell’Anas.






LEGGI ANCHE

‘Babas, memorie di un cane rosso’, Stella Cervasio presenta il suo ultimo libro al Vomero

Una donna e un incrocio di molosso sono i protagonisti di una storia speciale di amicizia, basata su rispetto e protezione. Il libro "Babas, Memorie...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE