contestata la premeditazione ai due che hanno ferito manuel. il video choc degli spari



La procura di Roma contesta il tentato omicidio premeditato e aggravato da abietti e futili motivi per la sparatoria nella quale è rimasto ferito Manuel Bortuzzo e per la quale sono in carcere da ieri Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano. Questa mattina, il padre di Manuel, Franco Bortuzzo si è recato in Questura dove ha avuto un incontro con gli investigatori che hanno condotto le indagini.Il padre di Manuel ha ringraziato i funzionari e gli agenti della squadra mobile e del commissariato di Ostia per l’impegno nelle investigazioni, che in pochi giorni hanno portato all’individuazione dei responsabili del ferimento ed all’arresto dei due.Il padre del ragazzo, che si è rivolto agli agenti definendoli “i miei angeli”, ha affermato di considerare Roma un luogo dove vivrebbe, nonostante l’episodio che ha colpito il proprio figlio, da riferire a singoli attori, probabilmente con problematiche culturali e di educazione. Dicono di “essere distrutti”, i due giovani di Acilia fermati ieri sera dalla polizia per la sparatoria che ha provocato il ferimento del 19enne Manuel Bortuzzo. Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano sono pronti a chiedere a scusa alla famiglia del nuotatore. “Vogliono mandare una lettera ai genitori del ragazzo ferito tramite noi”, hanno annunciato gli avvocati Alessandro De Federicis e Giulia Cassaro. “Lorenzo e Daniel si volevano costituire da domenica scorsa, perche’ io sono stato subito contattato dai familiari. Avevano un peso sulla coscienza”, ha aggiunto De Federicis. “Fate un grandissimo favore all’umanita’, al mondo e all’Italia. Suicidatevi”. Mentre la giustizia dei Tribunali si mette in moto per giudicare Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, i due rei confessi dell’agguato all’Axa a colpi di pistola che ha gravemente ferito la promessa del nuoto Manuel Bortuzzo, la giustizia dei social ha gia’ la sua sentenza. I due sono in carcere da ieri sera con le accuse di tentato omicidio e detenzione d’arma. Su Facebook, in poche ore, le bacheche dei due 25enni arrestati sono state subissate di insulti, maledizioni, minacce e commenti da parte di utenti di ogni eta’. Entrambi di Acilia, incensurati ma vicini alla mala locale, i due hanno confessato l’agguato: “Pioveva, era buio, e’ stato un errore”. A sparare, ‘sull’errato bersaglio’ e’ stato Marinelli, mentre Bazzano era alla guida dello scooter piombato su Manuel e la sua fidanzata intenti ad acquistare sigarette ad un distributore automatico. “Con questo tuo gesto- scrive una donna sulla bacheca di Marinelli- hai rovinato la vita a due poveri innocenti: a quel povero ragazzo che purtroppo non potra’ piu’ camminare, e a tuo figlio appena nato”. “Ti auguro ti passare quello che sta passando Manuel”, aggiunge qualcuno. “Dovete marcire in galera e subire le umiliazioni peggiori tu e il tuo compare”, si legge tra le centinaia di commenti il cui numero continua ad aumentare in queste ore. “Queste parole- si legge in un altro post- sono rivolte a te che hai premuto quel grilletto: spero che la vita da ora in poi per te possa essere maledetta, piena di sofferenze e infinito dolore”.

LEGGI ANCHE  Tenta il suicidio in carcere l'uomo che ieri ha ucciso la moglie nel Casertano

 


Google News

Direttori presidio ospedaliero Asl Caserta, Graziano: ‘Chiarezza su bando, stop a chi non ha requisiti’

Notizia precedente

Caso Hamsik, calciatore ancora in vendita

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..


Ti potrebbe interessare..