Camorra: chiesti in Appello tre secoli di carcere per il clan Orlando. TUTTE LE RICHIESTE

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Il procuratore generale Maria Di Monte della VI sezione della Corte di Appello di Napoli ha chiesto la conferma delle condanne ai 27 imputati appartenenti al clan Orlando nel processo di secondo grado. Quasi tre secoli di carcere come era avvenuto nel novembre del 2017 per la richiesta in primo grado. Solo che in quel processo ci furono ben 12 assoluzioni eccellenti. Alle richieste della Dda il giudice per le udienze preliminari Antonio Tarallo nel processo che si era svolto con rito abbreviato aveva emesso condanne per 115 anni di carcere ai 15 imputati condannati mentre altri undici sono stati assolti. Nel processo non compare il nome del capo clan Antonio Orlando detto mazzulillo arrestato solo nel novembre scorso dopo 15 anni di latitanza ininterrotta. L’inchiesta e il processo nato dal blitz del 2016 aveva fatto luce sul clan Orlando che negli ultimi anni aveva preso il predominio su Marano e i comuni limitrofi estromettendo i Polverino e assoggettando Nuvoletta e grazie a vincoli familiari aveva creato clan satelliti con i quali controllava anche i comuni di Mugnano, Calvizzano e Quarto.Un clan articolato in più livelli, militarizzato, in grado di imporre il pagamento del ‘pizzo’ a tappeto sul territorio, forte anche di ‘innesti’ della famiglia Novoletta, un tempo l’unica federata con la mafia siciliana.
Il nuovo gruppo criminale avrebbe esteso i propri tentacoli su settori specifici del territorio: mercato ortofrutticolo, edilizia ed appalti pubblici, gestione del ciclo integrato dei rifiuti, cimitero e macchina amministrativa. Con la latitanza di Antonio la famiglia malavitosa era guidata dai fratello Gaetano e Raffaele detto papele e dal cugino Angelo detto ‘o malomm.
La cosca aveva inglobato alcuni esponenti dei Nuvoletta di Marano e  si era estesa nel territorio limitrofo era strutturata in almeno quattro livelli.
Al vertice del gruppo, detto anche dei Carrisi, i fratelli Orlando, roccaforte tra Marano e Quarto; poi, al secondo livello, Armando Lubrano, nipote del boss Antonio, insieme a Lorenzo Nuvoletta, figlio di Ciro, elemento di vertice dell’omonimo clan ucciso in un agguato, e Angelo Orlando, ‘portavoce’ dei boss; al terzo livello, i ‘responsabili di zona’ come Gennaro Sarappo, che si occupa di Quarto, e Raffaele Lubrano, attivo a Calvizzano, insieme all’addetto al controllo, Celeste Carbone; al quarto livello, gli esecutori degli ordini. 

TUTTE LE RICHIESTE DI CONDANNA

ORLANDO ANGELO 18 ANNI



    DI MARO ANGELO 16 ANNI

    RUGGIERO SALVATORE 14 ANNI

    LUBRANO ARMANDO 12 ANNI

    ORLANDO RAFFAELE 12 ANNI

    SARAPPO GENNARO 10 ANNI

    LUBRANO VINCENZO 10 ANNI

    LUBRANO RAFFAELE 8 ANNI

    SARAPPO MARIO 6 ANNI

    CINCINNATO FRANCESCO 4 ANNI

    ESPOSITO VINCENZO 4 ANNI

    CARPUTO RAFFAELE 4 ANNI

    ORLANDO ANGELO 3 ANNI

    AIELLO SALVATORE 2 ANNI

    GAGLIANO MARIA 2 ANNI

    AMITRANO MARIO 11 ANNI

    SCHIATTARELLA ANIELLO  4 ANNI E 8 MESI

    LUCCI PASQUALE  15 ANNI

    BAIANO LUIGI  14 ANNI

    CARBONE CELESTINO  10 ANNI

    ORLANDO GAETANO  18 ANNI

    DI LANNO CIRO 14 ANNI

    VISCONTI CLAUDIO  9 ANNI

    NUVOLETTA LORENZO  18 ANNI

    POLVERINO CRESCENZO  9 ANNI

    VECCIA RAFFAELE  12 ANNI


    Torna alla Home


    Oroscopo di oggi 18 aprile 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potreste sentire un forte bisogno di esprimere le vostre emozioni e i vostri sentimenti. Prendete tempo per riflettere e cercate di trovare un equilibrio tra le vostre necessità e quelle degli altri. TORO: La vostra determinazione...
    Francesco Benigno è stato squalificato dall'Isola dei Famosi dopo meno di una settimana. La produzione del reality ha comunicato la decisione con una nota ufficiale, senza specificare i "comportamenti non consoni e vietati dal regolamento" che hanno portato all'espulsione dell'attore. Benigno, dal canto suo, ha duramente contestato la squalifica sui...
    Un ritorno inaspettato e pieno di emozioni per Dries Mertens, l'ex attaccante del Napoli, che ha fatto visita alla città partenopea insieme alla sua famiglia durante una pausa dai suoi impegni con il Galatasaray. Mertens, che si è trasferito in Turchia nell'estate del 2022, ha colto l'occasione per fare...
    Le indagini sulla presunta partecipazione a scommesse illegali nel calcio hanno portato a conseguenze serie per quattro giocatori, attualmente o ex del Benevento Calcio, che rischiano una squalifica di tre anni. Gaetano Letizia, Francesco Forte, Enrico Brignola e Christian Pastina sono i nomi coinvolti nel caso, che ha scosso...

    IN PRIMO PIANO