Camorra: assolto il boss Ciro Mariano, pena ridotte per tutti gli affiliati

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. La notizia più eclatante è l’assoluzione al boss Ciro Mariano da circa un anno libero completamente dopo 30 anni circa trascorsi in carcere ininterrottamente, La sentenza è stata pronunciata in un’aula blindata e per ben due volte il giudice ha dovuto richiamare gli astanti. Sopratutto quando ha letto l’ultima parte del dispositivo che confermava le assoluzioni e dimezzava le pene. Si é chiuso così il processo al clan Mariano dei Quartieri Spagnoli di Napoli, con l’assoluzione del boss Ciro Mariano. Questa la decisione: pene dimezzate per tutti gli imputati, tra loro il figlio di Ciro, Marco Mariano, difeso dall’avvocato Gaetano Inserra, che é stato condannato a 4 anni. Stessa decisione anche per Fabio Mariano (4 anni), Raffaele Mariano (6 anni) e Salvatore Mariano (4 anni). Pena ridotta anche per Eduardo De Crescenzo, Antonio Masiello, Vincenzo Ricci e Annamaria Dresda, che rischiavano condanne superiori a 10 anni. Erano difesi tutti dall’avvocato Giuseppe De Gregorio. Per Antonio Esposito, soprannominato “Pallino”, difeso dall’avvocato Leopoldo Perone, 4 anni di reclusione e scarcerazione immediata. Armando Perrella, difeso dall’avvocato Giovanni Fusco, rischiava una condanna a 13 anni ed é stato condannato a 6 anni: inammissibile il ricorso del pm sull’associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga. Era considerato il braccio destro di Mariano e come gli atri é tornato in libertà. L’indagine del settembre del 2016 portò in carcere oltre trenta persone, quasi tutte considerate vicine al clan Mariano dei Quartieri Spagnoli. Le accuse erano di associazione camorristica, estorsione e riciclaggio: secondo la Procura molti dei soldi illeciti venivano riciclati in negozi che vendevano pesce e in altri che fornivano latticini. Tra gli imputati anche Ernesto Tecchio, genero dei Mariano, che é stato condannato a sei anni di reclusione. Confermate tutte le assoluzioni di primo grado. In ballo c’erano anche le ipotesi di estorsione aggravata, in quanto avrebbero imposto i loro prodotti alimentari ai commercianti di mezza Napoli, e di traffico di droga, poiché grazie ad accordi con altre cosche erano riusciti a gestire le piazze dello spaccio per la movida.

CARDAROPOLI ANTONIO 4 ANNI
CINQUE PATRIZIA 4 ANNI – LIBERA
DE CRESCENZO EDUARDO – LIBERO
DRESDA ANNAMARIA 4 ANNI – LIBERA
ESPOSITO ANTONIO 4 ANNI . LIBERO
FRATTINI UMBERTO 8 ANNI – LIBERO
GAETANO LUISA 4 ANNI – LIBERO
MAGRELLI COSTANZO 5 ANNI – LIBERO
MARIANO FABIO 4 ANNI – LIBERO
MARIANO MARCO ’76 4 ANNI – LIBERO
MARIANO MARCO ’55 18 ANNI
MARIANO RAFFAELE 6 ANNI – LIBERO
MARIANO SALVATORE 4 ANNI – LIBERO
MASIELLO ANTONIO 4 ANNI – LIBERO
OVERA MAURIZIO 3 ANNI
PERRELLA ARMANDO 4 ANNI – LIBERO
QUINZIO MARIA – LIBERA
RICCI VINCENZO 6 ANNI – LIBERO
ROMANO CIRO 4 ANNI – LIBERO
ROSSI FABIO 1 ANNO – LIBERO
TECCHIO ERNESTO 6 ANNI
TORTORA MARIO 4 ANNI – LIBERO







LEGGI ANCHE

Avellino, cerca di portare figlia all’estero: fermata dai Carabinieri

Una madre di origini straniere è stata fermata mentre cercava di portare la figlia di 4 anni all'estero, a Montefusco, in provincia di Avellino. Tutto è iniziato quando il marito ha segnalato alle autorità di essersi allontanato per qualche giorno e al suo ritorno aver scoperto il tentativo della moglie di lasciare il Paese con la bambina. I Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano sono intervenuti prontamente, identificando il veicolo e il conducente coinvolti nel tentativo...

Sequestrata discarica abusiva con rifiuti pericolosi a Benevento

La Guardia di Finanza ha individuato e sottoposto a sequestro una discarica abusiva di rifiuti contenenti materiali pericolosi nel centro cittadino di Benevento. Questa discarica, situata vicino a un quartiere popolare, occupava un'area di circa mille metri quadrati e conteneva oli esausti, solventi, materiali da costruzione, mobili, veicoli dismessi, pneumatici, attrezzature elettromeccaniche e elettrodomestici fuori uso. Il proprietario residente a Benevento è stato segnalato alla Procura sannita per violazione delle normative ambientali e l'area è stata...

EasyJet annuncia l’arrivo a Salerno, il primo volo previsto l’11 luglio

EasyJet ha annunciato l'apertura di cinque nuove rotte dall'aeroporto di Salerno - Costa d'Amalfi, con il primo volo previsto per l'11 luglio. Le operazioni includono voli da Milano Malpensa, Basilea, Ginevra, Berlino e Londra Gatwick, con varie frequenze settimanali per ciascuna destinazione. Il CEO di easyJet, Johan Lundgren, ha confermato l'espansione durante una visita a Napoli insieme al CEO di Gesac, Roberto Barbieri. I biglietti per queste rotte sono ora disponibili per l'acquisto sul sito easyJet.com...

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE